Il re degli hedge fund attacca l’Amministrazione americana

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio26 gennaio 2018 | 07:15

“La politica del dollaro debole va in direzione opposta rispetto a ciò che oggi serve agli Stati Uniti”. Ray Dalio (nella foto) non le manca a dire. Il gestore del più grande hedge fund al mondo – attività per 150 miliardi di dollari – ha usato il palco del World Economic Forum di Davos, per attaccare a testa bassa il credo del presidente americano Donald Trump. “Il dollaro debole è benvenuto”, ha commentato quest’ultimo nei giorni scorsi e poco dopo il biglietto verde si è portato ai minimi dell’ultimo anno rispetto all’euro (-11% la performance a dodici mesi).

Per Dalio, il dollaro debole è “una tassa impropria su chi detiene attività americane, scoraggia gli investitori stranieri e contribuisce a creare inflazione”. Insomma “tutto l’opposto di cià che servirebbe oggi agli Stati Uniti per proseguire nel ciclo di crescita economica.

D’accordo con Dalio è l’analista Dick Bove di Vertical Trading Group, che vede seri rischi per l’economia americana se il dollaro continuerà nel suo trend discendente verso le altre grandi valute. Un timore ridimensionato da Moody’s Investors Service, secondo cui nel medio termine il biglietto verde è destinato a riprendere quota. Nonostante i desiderata di Trump.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gli hedge fund scommettono contro i bitcoin

Hedge fund: bene i rendimenti, ma è corsa ai riscatti

Così cambiano le priorità dei gestori alternativi

Hedge fund, terzo mese di deflussi a livello globale

Cosa succede agli hedge fund?

Hedge fund, il mese peggiore degli ultimi sette anni

Deutsche Bank, entra l’attivista Hudson Capital col 3%

Il boss di Appaloosa

Odey “costretto” a scendere in politica

Hedge fund: performance in ripresa, ma pesano i deflussi

Le traversie delle criptovalute non fermano gli hedge fund

Dal Milan alla Fiat, così Singer può fare scacco matto in Italia

Il Robin Hood dell’alta finanza

I fondi hedge sfidano la volatilità

Così Dalio ha perso la scommessa sull’Italia

Il big degli hedge fund mette su casa a Chicago

La scommessa su Nike vale 100 milioni in sei mesi

Hedge Fund, Paulson apre i rubinetti

Elliott, tra Milan e Tim

Aqr Capital mette nel mirino Bper

Il mistero di Ray Dalio

Hedge fund, affidare la gestione ai pc può costare carissimo

Steven Cohen sotto accusa

Bridgewater lancia l’allarme volatilità

L’hedge fund dei record pronto alla correzione dei mercati

Private equity ed hedge fund, assalto alle banche italiane

Hedge fund, l’investimento esotico spinge i rendimenti

Hedge fund, dicembre in positivo

Record negativo per Alan Howard

Sta per arrivare il primo fondo di fondi sulle criptovalute

L’hedge fund che ha creduto in Volvo e ha guadagnato il 75%

Gli hedge fund scommettono su Toshiba

Hedge fund, i mutimanager non battono gli indici

Ti può anche interessare

Il “treno” che cavalca la corsa della Juventus

“Gestiamo il denaro della clientela come se fosse il nostro”. E’ la scritta che gi ...

Banca Generali, nuova formula per la consulenza

Matteo Mediola Oltre 3 miliardi di masse sotto consulenza evoluta in un paio d’anni dal lancio del ...

UBS: l’utile cresce a due cifre

Nel terzo trimestre l'utile ante imposte pubblicato è stato di 1668 milioni di franchi svizzeri, in ...