Private banking, l’Asia tira ancora

A
A
A
Private di Private 23 Febbraio 2018 | 09:39

Crescita a due cifre, dall’Indonesia alla Cina passando per Singapore. Sono le performance realizzate in Asia dalle private bank, alle quali viene dedicato un ampio servizio dalla testata finanziaria Asian Nikkei Review. L’articolo ricorsa l’aumento a due cifre che, secondo i dati di bilancio, è stato realizzato lo scorso anno in Asia da alcuni gruppi finanziari attivi nel wealth management come Ubs (+28%), Citi (+17%) e Credit Suisse (+18%). Le performance sono frutto di uno scenario particolarmente favorevole in alcuni paesi dove i milionari aumentano a ritmi del 15-20%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet AM, un anno più robusto per i mercati emergenti

Generali cerca un accordo in Asia

Franklin Templeton e il fascino asiatico

Ti può anche interessare

UBI Top Private rafforza il wealth management

Vito Andreola   L’evoluzione del servizio di consulenza evoluta, il tagliando a Mifid 2 dopo ...

Widiba, una doppietta di reclutamenti per il private

Un importante bis di ingressi rafforza la rete di Widiba in Trentino Alto Adige. La squadra del ...

Coronavirus: Aipb scrive agli associati

L’Associazione italiana private banking (Aipb) ha inviato una missiva ai propri associati per ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X