Muzinich, obiettivo private

A
A
A

La boutique del corporate credit mira a rafforzarsi tra la clientela facoltosa

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti26 febbraio 2018 | 09:31

Il successo è spesso questione di dettagli. Quando si gareggia ad alti livelli, la migliore performance è frutto dell’espressione eccellente di ciascun singolo elemento che compone una prestazione. Questa riflessione si può benissimo applicare sul fronte degli investimenti la preferenza va ai settori energy, tlc e finanziari al mondo degli investimenti. Così sono sempre di più le realtà del risparmio gestito internazionale che decidono di focalizzarsi su precise asset class o strategie, con la finalità di poter garantire a un investitore evoluto il prodotto più adatto a una specifica esigenza. Una di queste è Muzinich, società che ha fatto delle gestioni dedicate al credito corporate il suo know how. Di questo abbiamo parlato con Domenico Del Borrello, managing director e country head Italy della società.

Quali sono gli elementi distintivi della vostra filosofia di gestione?
Siamo fortemente specializzati e riconoscibili nella gestione di una specifica asset class, quella dell’obbligazionario corporate internazionale, sia esso investment grade o high yield, con circa 40 miliardi di dollari complessivi investiti nei nostri prodotti. Non ci interessa puntare su soluzioni speculative, ma puntiamo piuttosto a un approccio conservativo che guardi in primo luogo alla solvibilità della controparte. Ne è la prova un tasso di default delle società in portafoglio pari allo 0,3% a 25 anni, contro una media di settore del 3%. Il nostro elemento distintivo risiede insomma nel fare una sola cosa da 30 anni e farla bene.

Attualmente quali settori privilegiate?
In questo momento guardiamo con interesse energia, telecom, banche e finanza. Investiamo solitamente nel segmento cosiddetto “crossover” tra investment grade e high yield, quello compreso tra la doppia e la tripla B.

Avete sviluppato accordi di distribuzione con Banca Generali e diverse banche private in Italia. Avete in mente altri sviluppi?
Vogliamo puntare con decisione verso il segmento private, confermandolo come pillar di business insieme all’istituzionale puro. I nostri comparti sono inseriti all’interno di diversi prodotti wrapper delle principali banche italiane, ma per la distribuzione diretta vogliamo ribadire il nostro impegno verso il mondo private.

Come ha inciso Mifid 2 sulla vostra attività di gestione?
In realtà, essendo noi focalizzati su un’unica asset class, possiamo dire di aver seguito le linee guida di Mifid 2 prima ancora che entrassero in vigore. Dato che la normativa spinge in direzione di una sempre maggiore specializzazione nel design dei prodotti e nella stessa consulenza, direi che Muzinich si è dimostrata fin dal principio un passo avanti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti over 60, la paura fa 90

Schroders, la sim italiana cala il sipario sul WM

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Cf Webinars, come prepararsi al nuovo anno

Fondi, top e flop del 10/12/18

Btp: un 2019 con tante incognite

Ubi Banca, Massiah apre al matrimonio

Hanno ucciso il Private Banking…

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Manovra, parte la caccia ai tagli

Efpa sceglie la Mole

Consulenti, ecco come investire alla velocità del 5G

Enasarco, fuoco incrociato sulla governance

Adesso Tria pensa alle dimissioni

Manovra, stallo nella trattativa fra Italia e Ue

Modric ha bisogno di un consulente finanziario

State Street GA: la felicità previdenziale è nella consapevolezza

Un ex Credem nel mirino di Consob

La fotostory dei Bluerating Awards

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Fondi, top e flop del 3/12/18

Autonomi ai blocchi di partenza, sperando nel buonsenso

Domani è day 1 della consulenza indipendente

Fideuram ISPB, un bilancio da premiare

Regling: l’Italia non è rischiosa

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

E’ partito l’ITForum a Milano

Bluerating Awards: volti e nomi dei fantastici 85 cf

Private banking, la grande onda è in arrivo

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Troppe violazioni e arriva la radiazione per un ex Credem

Manovra, le banche rimbalzano in borsa

BFC EDUCATION: Bluedvisor, una puntata per i consulenti

Ti può anche interessare

L’hedge fund dei record pronto alla correzione dei mercati

Rischio concreto di correzione dei mercati, in particolare di quello americano. E’ quello temuto d ...

Ubs, stretta in arrivo sulle criptovalute

Secondo indiscrezioni raccolte dalla testata online Finews, Ubs starebbe preparando una stretta nell ...

Tikehau Capital investe in Filiassur

Filiassur è il maggior distributore diretto di assicurazioni personali sul mercato francese. ...