Ubi Banca e Confindustria sostengono le imprese d’elite

A
A
A

Iniziativa a favore di 21 aziende con alto potenziale di crescita

Private di Private2 marzo 2018 | 09:06

Una platea di aziende con un business solido e ad alto potenziale di crescita è stata selezionata da UBI Banca, con la collaborazione di Confindustria, per entrare a far parte di ELITE, il programma di Borsa Italiana dedicato al rafforzamento delle strategie di crescita delle imprese. Le società scelte accederanno, attraverso la “ELITE UBI Banca Lounge”, a un percorso che offre alle imprese una serie di strumenti studiati per affrontare i temi chiave della crescita ed espansione internazionale.

Sono 21 le imprese selezionate, rappresentano 8 regioni, hanno un fatturato aggregato di circa 3 miliardi di euro, un totale di circa 11mila dipendenti e appartengono a diversi settori industriali: dalla moda, alla chimica, alla meccanica, all’automotive, al food. Le aziende avranno la possibilità di intraprendere un percorso dedicato che prevede strumenti di finanziamento, relazioni con operatori del mercato dei capitali, grazie anche all’interlocuzione con una platea di potenziali investitori italiani ed esteri, con una formazione specifica per guidare i cambiamenti organizzativi e di governance necessari ad affrontare i mercati internazionali.

“L’obiettivo del rinnovamento e della competitività del mondo produtivo”, ha dichiarato Letizia Moratti, presidente del Consiglio di Gestione di UBI Banca, “ha spinto tre protagonisti dell’economia del Paese, rappresentati dal mondo imprenditoriale, dal mercato dei capitali e dal sistema bancario, a fare sistema per supportare i processi di innovazione e digitalizzazione delle imprese.

“Il lancio della ELITE UBI Banca Lounge, attivata con la collaborazione di Confindustria”, secondo il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, “rappresenta un altro importante passo nel percorso di evoluzione e innovazione del rapporto tra banche e imprese, una condizione imprescindibile per un sistema Paese più forte e competitivo”.

“Crediamo fortemente che il futuro del nostro Paese sia strettamente collegato alla capacità di valorizzare quello delle sue aziende più virtuose ed ELITE gioca un ruolo cruciale nel raggiungimento di questo obiettivo”, ha affermato invece Luca Peyrano, ceo di ELITE.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Allarme crescita da Bankitalia e Confindustria

Limbo Pir, si muove anche Confindustria

Confindustria lancia l’allarme recessione

Ti può anche interessare

Npl banche italiane, scatta l’allarme sui servicer

A lungo si è detto che i crediti deteriorati in pancia alle banche italiane erano un affari per i g ...

Private banking, a vincere sarà il modello ibrido

Nicola Ronchetti*   Dieci anni fa il numero uno della più importante società di gestione del ...

Npl ma non solo, ecco il piano di Cerberus per l’Italia

Come ha spiegato il senior advisor per l'Europa Fabrizio Nicastro a Il Sole 24 Ore, il fondo è pron ...