Private, UniCredit rafforza Cordusio

A
A
A

Aumento di capitale da 51,8 a 56,2 milioni per l’hub di wealth mgmt. Nel cda entra De Falco.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino12 marzo 2018 | 08:30

Si rafforza Cordusio sim, hub di wealth management e private banking controllato da Unicredit e partecipato da alcuni manager. Secondo quanto riporta oggi Affari & Finanza, infatti, il presidente Massimo Vitta Zelman ha guidato un’assemblea straordinaria della società di cui Paolo Langé (nella foto) è amministratore delegato. La riunione ha varato un aumento di capitale da 51,8 a 56,2 milioni di euro mediante emissione di 5 milioni di nuove azioni ciascuna del valore nominale di un euro oltre ad affidare al board la delega per procedere ad un’ulteriore ricapitalizzazione di 3 milioni entro il 2019.

Vitta Zelman ha spiegato ai soci che poiché Cordusio sim “si qualifica come impresa di investimento con autorizzazione limitata” e di conseguenza “il requisito minimo patrimoniale, Cet1 Ratio, deve essere almeno pari all’8%”. Il Cet1 Ratio previsto a fine 2017 era invece pari a 7,5%, cui corrispondeva una carenza di mezzi propri pari a 2 milioni: ne consegue la necessità dell’aumento di capitale, tale da raggiungere un Cet1 Ratio pari al 9%. Nel cda di Cordusio sim è appena entrato Alessandro De Falco, nuovo capo del Cib Italia di Unicredit al posto di Vittorio Ogliengo approdato in Bnl Bnp Paribas.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Via alla nuova Cordusio, il polo del wealth management di UniCredit

Ti può anche interessare

UBI Top Private, crescono masse e consulenti

UBI Top Private è attualmente tra i primi cinque operatori del mercato del private banking in Itali ...

I Paperoni dei bitcoin

Meno di 100 Paperoni nel mondo controllano portafoglida 10mila a 100mila Bitcoin ciascuno, ovvero ci ...

Private banking, negli Usa Hsbc ingaggia ex top manager di Citigroup

Adam Gross, già managing director di Citigroup per l’area delle Americhe, ha deciso di passare a ...