Ubs punta sui robot

A
A
A
Private di Private29 marzo 2018 | 12:01

“Il fintech non cannibalizzerà il credito tradizionale”. Sergio Ermotti (nella foto), numero uno di Ubs, non sembra preoccupato per l’avanzata delle startup tecnologiche, impegnate a scalfire il dominio dei grandi gruppi finanziari.

Partecipando al Lugano Banking Day, il banchiere ha sottolineato: “Registriamo un incremento delle nostre attività in amedue i canali, i tradizionali e quelli digitali”. Dunque la sfida è aperta e gli operatori da tempo sul mercato sono chiamati a cambiare volto per non soccombere dinanzi alle novità: “L’attività bancaria è davanti a trasformazioni radicali. In Ubs, relativamente al sistema di gestione patrimoniale, ci stiamo attrezzando: attualmente abbiamo 300 robot, saliremo a 800 entro la fine di quest’anno. Investiremo un miliardo di franchi svizzeri per migliorare l’interfaccia con i clienti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Si apre una nuova pista per Banca del Fucino

Citi sceglie Milano

Le private bank svizzere puntano sul Sudafrica

Ti può anche interessare

Banca del Fucino sceglie Barents

Una piccola, ma storica e ben radicata private bank italiana e un gigante mondiale delle riassicuraz ...

Banca Finnat “disegna” il futuro del private banking

Il rafforzamento dell’organico di private banker, una nuova sede a Milano e una nuova “idea” r ...

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Uno dei primi dieci migliori private banker festeggia i 30 anni di attività ...