Ubs punta sui robot

A
A
A
Private di Private29 marzo 2018 | 12:01

“Il fintech non cannibalizzerà il credito tradizionale”. Sergio Ermotti (nella foto), numero uno di Ubs, non sembra preoccupato per l’avanzata delle startup tecnologiche, impegnate a scalfire il dominio dei grandi gruppi finanziari.

Partecipando al Lugano Banking Day, il banchiere ha sottolineato: “Registriamo un incremento delle nostre attività in amedue i canali, i tradizionali e quelli digitali”. Dunque la sfida è aperta e gli operatori da tempo sul mercato sono chiamati a cambiare volto per non soccombere dinanzi alle novità: “L’attività bancaria è davanti a trasformazioni radicali. In Ubs, relativamente al sistema di gestione patrimoniale, ci stiamo attrezzando: attualmente abbiamo 300 robot, saliremo a 800 entro la fine di quest’anno. Investiremo un miliardo di franchi svizzeri per migliorare l’interfaccia con i clienti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Citi sceglie Milano

Le private bank svizzere puntano sul Sudafrica

Citibank prepara lo sbarco a Milano

Ti può anche interessare

Indosuez Wm Italia prende D’Angella da Deutsche Bank

D'Angella si occuperà dello sviluppo del business del wealth management e riporterà direttamente a ...

Gen II si rafforza con Poletti

Lo riferisce Privateequitywire, precisando che prima di unirsi a Gen II il manager ha trascorso 24 ...

I private equity si contendono il caffé più pregiato

Niente Borsa per ora, anche se l’opportunità di irrobustire le spalle per competere nel merca ...