UBS sceglie il rainmaker asiatico

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio3 aprile 2018 | 08:31

Fred Hu (nella foto) sarà uno dei volti nuovi del cda di UBS che entrerà in funzione da maggio. Hu è stato a lungo un asso di Goldman Sachs nel programma di espansione in Asia, prima di mettersi in proprio nel 2010 per dar vita a  Primavera Group, società di private equity con sede a Pechino e Hong Kong.

La mossa viene letta dagli analisti come il chiaro interesse della private bank di Zurigo per il mercato asiatico, che conserva un potenziale di sviluppo superiore a qualsiasi altra area del mondo.

 

Oltre a Hu, un altro volto nuovo si appresta a entrare nel board di UBS: si tratta dell’ex presidente di Kpmg Jeremy Anderson .


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Colpo Keating per Bny Mellon

Rothschild, adesso tocca ad Alexandre

DB punta ai ricchi asiatici

Ti può anche interessare

Arte da condividere

Alessia Zorloni Com’è ben dimostrato da numerosi report pubblicati negli ultimi anni, sono sempre ...

Cordusio conquista il Private Banking & Wealth Management Innovation Award

Cordusio sim, la società di wealth management di UniCredit, si è aggiudicata il premio AIFIn ̶ ...

Banca Aletti, utile a 19,9 milioni

Senza la componente non ricorrente l’utile netto sarebbe di 33,9 milioni e il risultato lordo dell ...