I Paperoni vogliono vivere fino a cent’anni

A
A
A

Due terzi (66%) degli investitori italiani si aspettano di vivere fino a 100 anni. Un dato nettamente superiore alle attuali previsioni nazionali di speranza di vita nella maggior parte dei Paesi sviluppati.

Chiara Merico di Chiara Merico19 aprile 2018 | 11:35

PAPERONI LONGEVI – Vivremo fino a cent’anni? Gli italiani ci credono, in particolare i più ricchi, e questa convinzione sempre più forte sta portando a scelte nuove e significative riguardo le proprie spese, gli investimenti e l’approccio ai lasciti ereditari degli italiani facoltosi. Questo il risultato principale di UBS Investor Watch, la più grande ricerca al mondo sugli investitori  con patrimoni importanti  – High Net Worth Individuals (Hnwi), che racchiude le opinioni di oltre 5.000 persone in tutto il mondo.

LA RICCHEZZA AIUTA A VIVERE PIU’ A LUNGO – Due terzi (66%) degli investitori italiani si aspettano di vivere fino a 100 anni. Un dato nettamente superiore alle attuali previsioni nazionali di speranza di vita nella maggior parte dei Paesi sviluppati. A guidare questa aspettativa è una connessione fondamentale tra salute e ricchezza. Il 92% degli investitori italiani sostiene infatti che il denaro li aiuti a vivere una vita più sana. Mentre la fiducia rispetto a una vita longeva rimane alta, molti investitori sono preoccupati per le implicazioni finanziarie. I costi sanitari rappresentano la loro principale preoccupazione, insieme al dover cambiare le abitudini di spesa per preservare la ricchezza. I risultati dello studio rivelano che anche il lavoro è un fattore importante. Il 79% degli investitori italiani ritiene infatti che lavorare sia un bene per la propria salute e vogliono continuare a essere professionalmente attivi il più a lungo possibile. Molti investitori riconoscono però che l’aumento della speranza di vita significa anche dover lavorare più a lungo per sostenere finanziariamente queste lunghe esistenze.

FATTORE LONGEVITA’ – L’aspettativa di lunga vita fino a 100 anni sta cambiando il comportamento relativo all’investimento anche in Italia. Quasi tutti gli intervistati italiani hanno affermato di aver introdotto – o di voler introdurre – cambiamenti nei comportamenti finanziari in risposta alla prolungata aspettativa di vita. Mentre il 32% sta adeguando le proprie abitudini di spesa, la strategia principale, sulla quale si concentra il 39%, consiste nell’utilizzare maggiormente gli investimenti a lungo termine. Gli investitori italiani mostrano anche un approccio di lungo termine più cauto rispetto ad altri mercati. Le obbligazioni, in particolare, sono viste come un investimento forte sul lungo periodo a differenza del percepito in altre parti del mondo. Mantenere liquidità, anche per 30 anni o più, è ancora una delle opzioni preferite per il 28% degli investitori. E mentre l’appetito per gli investimenti in azioni è ancora alto, altri in Europa sono più fiduciosi riguardo i mercati azionari. La prospettiva di vivere fino a un’età avanzata sta influenzando anche il modo in cui gli investitori pianificano la propria eredità. Se un tempo i figli potevano essere stati i principali beneficiari, oggi il 61% degli Hnwi italiani afferma che salterà una generazione, lasciando una quota maggiore del proprio patrimonio ai nipoti. Addirittura, il 69% prevede di anticipare i tempi e di trasferire una parte dei beni mentre ancora in vita. Gioveranno di questa tendenza anche associazioni ed enti benefici, dato che più della metà (56%) si dichiara disponibile a fare donazioni di tale natura come conseguenza di una vita più lunga.

LA SALUTE PRIMA DI TUTTO – Nonostante le sfide finanziarie collegate al vivere una vita longeva, la buona salute rimane la priorità principale rispetto alla crescita del patrimonio. E, mentre l’85% degli investitori italiani risulta in buona salute oggi, oltre i tre quarti (il 77%) ammette timori rispetto al deterioramento della propria salute nell’arco del prossimo decennio. L’investitore medio si dichiara disponibile a sacrificare oggi più di un terzo del proprio patrimonio (35%) se ciò potesse garantire altri dieci anni di vita sana.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs Asset Management, la visione perfetta davanti ai cf

Wealth management, colpo grosso di Ubs

Ubs rinnega le azioni: non accadeva dal 2012

Fisco, caccia grossa in Svizzera

Ubs, tassi negativi per i paperoni

Ubs pagherà 111,5 milioni di Euro al Fisco per evasione fiscale

UBS fa rotta sui private markets

Fondi, Ubs e Morgan Stanley dominano il trimestre

Fondi, in stallo il polo Dws-Ubs

Cina, la regina dei mercati emergenti

Gestori in vetrina – Ubs GWM

Trimestrali contrastanti per le big svizzere

Ubs, multa record di 4,5 miliardi. “Aiutava i clienti ad evadere il fisco”

Ubs AM di nuovo “on the road”

Etf, Ubs AM amplia la gamma sostenibile

Banche, servono 95 mld di bond

Dopo Ubs ed Edmond de Rothschild, Rossi alla guida di Euclidea Sim

UBS: l’utile cresce a due cifre

Ubs punta sui Paperoni americani

Gestori, colpo grosso da Ubs a Pimco

Federici torna in pista con Ubs

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Ubs non ha paura dello yuan

Ubs, utile a +12% nel secondo trimestre

Etf a tutto investment grade con Ubs

Etf, raccolta in picchiata

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

L’espresso di Ubs sul Sedex

Ubs, un etf sul gender gap

Etf: large e mid cap in chiave sostenibile con Ubs AM

Ubs prende parte del business private di Nordea

UBS, balza l’utile netto

Eventi, il Roadshow 2018 di UBS Asset Management

Ti può anche interessare

Anthilia Capital Partners, fiche da 5 milioni su Clevertech

La società di gestione sottoscrive un il prestito obbligazionario per finanziare l'azienda italiana ...

Bim cerca il grande rilancio

La banca guidata da Moro vara il nuovo piano che prevede il ritorno all’utile nel 2022. Nel primo ...

Mirabaud, target raggiunto sul private equity

Obiettivo raggiunto. Mirabaud Asset Management, società del gruppo in­dipendente Mirabaud, fondato ...