Cassa Lombarda si guarda intorno

A
A
A
Private di Private27 aprile 2018 | 12:13

Un’aggregazione con un’altra private bank o un’alleanza con una Sgr. Sono le due strade che sta valutando Cassa Lombarda per crescere in un mercato che viaggia sempre più verso il consolidamento.  L’orizzonte arriva al 2020, traguardo del nuovo piano industriale approvato in concomitanza con il via libera al bilancio 2017. Lo scorso esercizio ha evidenziato una crescita dei ricavi relativi al core business del private banking (+13,2%) che rappresentano oltre il 70% del margine d’intermediazione. Per contro, si è assistito a una riduzione del margine d’interesse  clientela (- 6,8%) e del contributo del portafoglio di proprietà.

I costi operativi, a quota 37,7 milioni di euro, registrano un lieve incremento (+3,2%) rispetto all’esercizio precedente, a seguito degli investimenti realizzati per lo sviluppo della struttura commerciale e dei servizi di private banking e wealth management.

Continua la crescita a doppia cifra della raccolta gestita, che rappresenta oltre il 61% del totale della raccolta indiretta (contro il 56% del 2016), attestandosi a 2,68 miliardi di euro (+15%). La raccolta diretta, includendo il dato della liquidità sulle gestioni, si è collocata a fine anno a 745 milioni di euro (-7,4%).

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La roadmap di Banca Profilo

Arriva la fiduciaria per i millennials

Julius Baer fa rotta sulla Germania

Ti può anche interessare

Buffett straccia tutti anche nelle donazioni

  L’ultima risale a pochi giorni fa, quando ha distribuito azioni della sua erkshire Hat ...

Banca Aletti, utile a 19,9 milioni

Senza la componente non ricorrente l’utile netto sarebbe di 33,9 milioni e il risultato lordo dell ...

Il private banking europeo in sofferenza

Per la prima volta dal 2007, anno in cui è scoppiata la grande crisi internazionale, il private ban ...