Criptovalute, i nuovi ricchi tra Ripple e Litecoin

A
A
A
di Ugo Bertone28 maggio 2018 | 10:00

La quotazione del Ripple è scesa dai picchi di fine 2017, quando
 la moneta virtuale ha toccato un massimo di 3,5 dollari per poi ridiscendere a 50 centesimi. Ma il suo creatore, Chris Larsen, classe 1960, si può comunque consolare con una fortuna di 8 miliardi di dollari, accumulata anche grazie al successo del suo software.

Meno geniale ma assai fortunato Matthew Mellon, erede della banca omonima che è stato tra i primi a investire in ogni tipo di criptovaluta: tutto, a suo dire, è meglio del dollaro destinato a decadere assieme agli Usa. E così nel 2012 ha comprato due milioni di Ripple per poco più di 20 mila dollari. Oggi il suo portafoglio vale più di un miliardo.
Tra i re del mercato non si può ignorare Brian Armstrong, il promotore di Coinbase, forse la piattaforma più importante del settore con più

di 15 milioni di utenti che tratta Bitcoin, Bitcoin cash, Ethereum, Litecoin e altri beni digitali con valute di corso legale in 32 paesi. Anche lui ha superato il miliardo di dollari.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Real estate, a Milano le valutazioni più convenienti

Milano continua a presentare valutazioni più convenienti rispetto ad altri centri finanziari dell ...

Vitruvian Partners al fianco di Deposit Solutions

La società di fintech Deposit Solutions ha chiuso un nuovo round di investimento guidato dal fondo ...

La scommessa su Nike vale 100 milioni in sei mesi

La scommessa di Bill Ackman (nella foto) su Nike è destinata a passare alla storia. Attraverso la s ...