Lusso al polso e pagamento in Bitcoin

A
A
A
di Ugo Bertone29 maggio 2018 | 10:32

Si moltiplicano sulla rete i siti dove si possono comperare orologi di lusso solo con Bitcoin o altre valute virtuali. Il passo in avanti l’ha compiuto Louis Chevrolet, 
la maison svizzera che ha proposto una serie limitata di 99 orologi dedicata ai cultori della moneta virtuale. Ogni pezzo reca il disegno olografato della valuta sul quadrante mentre la quotazione del giorno dell’acquisto è stata inserita in un chip sul retro del prezioso segnatempo messo in vendita all’inizio a 2.500 franchi, una quotazione solo indicativa perché l’unica condizione obbligatoria è l’uso del Bitcoin.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il Bitcoin torna sopra i 7mila dollari

No della Sec a nove Etf sul bitcoin

Con eToro i bitcoin scendono in campo in Inghilterra

I Paperoni dei bitcoin

Il libretto in Bitcoin rende fino al 16%

Blockchain e consumi alle stelle

Bitcoin, arrivano le criptotasse

Primi al traguardo con i Bitcoin

La blockchain oltre il bitcoin, rivivi il webinar

La vigilanza ha fallito

Escort e porno, le nuove frontiere dei Bitcoin

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

Dossier fiscale Bitcoin – La questione del riciclaggio

Investimenti, le criptovalute tra minaccia e opportunità

Bitcoin, quante insidie nella moneta virtuale

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini dell’IVA

Dossier fiscale Bitcoin – I riferimenti del regime fiscale

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Il Bitcoin subordinato

Consob, occhio al “Bitcoin code”

Bitcoin nel mirino in Francia

Bitcoin e fondi, questo matrimonio non s’ha da fare

Miliardari coi Bitcoin, storia dei fratelli Winklevoss

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Miccoli (Conio): “I bitcoin? Meglio destinarvi non più dell’1,5% del portafoglio”

Bitcoin, nasce il primo fondo che investe in critptovalute

Bitcoin, mille bancomat in Italia

La corsa del bitcoin? Colpa (o merito) degli hedge fund

Bill Miller, l’ex manager di Legg Mason che punta sui Bitcoin

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Cresce la moda dei cripto-hedge fund

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Ti può anche interessare

Ingresso top nella galassia di Molesini

Carica di nuovi arrivi in estate tra nord e sud nelle reti Fideuram e Sanpaolo Invest. ...

Credit Agricole crescerà nel private

Lo ha detto in un’intervista al Sole24Ore il vice direttore generale del gruppo, Jean-Yves Hocher ...

Mps, il private si tinge di Candriam

Un nuovo accordo di distribuzione per ampliare la gamma Oicr in collocamento per la clientela privat ...