UBS sceglie un politico per gestire Brexit

A
A
A
Private di Private1 giugno 2018 | 07:40

La data del 29 marzo si avvicina e UBS sceglie di rafforzare i ranghi in vista della Brexit. Come avverrà il distacco dall’Europa? Quali azioni andranno messe in campo sul fronte gestionale e della compliance? Sono quesiti ai quali non è facile al momento rispondere e per questa ragione la banca elvetica ha deciso di inserire nei suoi ranghi un politico britannico di lungo corso come  Lord Jonathan Hill (foto), già capogruppo dei conservatori a Westminster e per tre anni commissario europeo alla Stabilità finanziaria.

Hill, che è anche tra i fodnatori di Prosperity Uk, organizzazione che spinge per il dialogo tra le parti coinvolte nella Brexit, riferirà direttamente a Javier Oficialdegui , responsabile delle soluzioni aziendali Europa presso la banca d’investimento.

La sua nomina è la terza di peso da inizio maggio. Prima era toccato a Marco Illy, a lungo responsabile dell’investment banking del Credit Suisse, che ufficialmente diventerà il numero uno di UBS Svizzera a inizio dicemebte, e Sabastian Pollems, ex-Morgn Stanley, il quale tra qualche settimana inizierà a lavorare come co-responsabile della banca d’investimento in Germania e in Austria.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ziegler rafforza il pb di Banca Finnat

Innocenzi al timone di Carige

Hsbc ha un nuovo capo del private banking

Ti può anche interessare

Muzinich, obiettivo private

La boutique del corporate credit mira a rafforzarsi tra la clientela facoltosa ...

Citigroup, grattacapi in Arabia dopo la retata dei miliardari

Il colosso statunitense Citigroup potrebbe incontrare nuovi ostacoli in Arabia Saudita dopo che l ...

Record negativo per Alan Howard

Un anno così negativo non lo aveva mai vissuto il macro hedge fund di Brevan Howard Asset Managem ...