UBS sceglie un politico per gestire Brexit

A
A
A
Private di Private1 giugno 2018 | 07:40

La data del 29 marzo si avvicina e UBS sceglie di rafforzare i ranghi in vista della Brexit. Come avverrà il distacco dall’Europa? Quali azioni andranno messe in campo sul fronte gestionale e della compliance? Sono quesiti ai quali non è facile al momento rispondere e per questa ragione la banca elvetica ha deciso di inserire nei suoi ranghi un politico britannico di lungo corso come  Lord Jonathan Hill (foto), già capogruppo dei conservatori a Westminster e per tre anni commissario europeo alla Stabilità finanziaria.

Hill, che è anche tra i fodnatori di Prosperity Uk, organizzazione che spinge per il dialogo tra le parti coinvolte nella Brexit, riferirà direttamente a Javier Oficialdegui , responsabile delle soluzioni aziendali Europa presso la banca d’investimento.

La sua nomina è la terza di peso da inizio maggio. Prima era toccato a Marco Illy, a lungo responsabile dell’investment banking del Credit Suisse, che ufficialmente diventerà il numero uno di UBS Svizzera a inizio dicemebte, e Sabastian Pollems, ex-Morgn Stanley, il quale tra qualche settimana inizierà a lavorare come co-responsabile della banca d’investimento in Germania e in Austria.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs, cambio al vertice in Italia

Maurizio Zancanaro riparte da Banca Cesare Ponti

Efg rinnova il management

Ti può anche interessare

DB punta ai ricchi asiatici

L’obiettivo è puntare sulla sempre più numerosa fascia di popolazione facoltosa in Asia. De ...

Anthilia Capital Partners, due ingressi nell’area Private Debt

A pochi giorni dalla presentazione di Anthilia BIT 3, il nuovo fondo per i piani di sviluppo e l’i ...

Npl ma non solo, ecco il piano di Cerberus per l’Italia

Come ha spiegato il senior advisor per l'Europa Fabrizio Nicastro a Il Sole 24 Ore, il fondo è pron ...