Ritorni a doppia cifra per il private equity in Italia

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio7 giugno 2018 | 08:03

Un rendimento medio annuo del 14,5%. E’ quanto hanno reso i fondi di private equity italiani che hanno disinvestito nel corso del 2017, secondo una ricerca realizzata dall’associazione di settore Aifi e da Kpmg. Un dato elevato, per quanto inferiore di 2 punti percentuali a quanto rilevato nel 2016

Per Max Fiani, partner di Kpmg advisory e responsabile della ricerca, “l’Irr del 2017 consolida il trend ampiamente
positivo degli ultimi 5 anni, anche in considerazione dello scenario generale dei tassi d’interesse. Da segnalare”, aggiunge, “una minore incidenza di grandi operazioni e la prevalenza di quelle che rientrano nel midmarket, con rendimenti compresi tra il 10 e il 20%”.

La performance del 2017 è stata determinata da un lato dai rendimenti complessivamente positivi e dall’altro dal minor impatto dei write off, sia totali (cioè svalutazione del 100% del valore dell’investimento), sia parziali (pari ad almeno l’80%).


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fideuram Ispb, tris d’ingressi a settembre

Nuovi reclutamenti nella rete dei private banker. Dall’’inizio dell’anno gli arrivi sono 221. ...

DB punta ai ricchi asiatici

L’obiettivo è puntare sulla sempre più numerosa fascia di popolazione facoltosa in Asia. De ...

Lgt, un 2017 da incorniciare

Si chiude con i principali indicatori in forte crescita il 2017 di Lgt. La private bank che fa capo ...