Quattro nuovi banker per Mediobanca Private Banking

A
A
A

Salgono così a otto i nuovi inserimenti a partire da marzo 2018: un buon avvio per il raggiungimento dell’obiettivo dichiarato, ovvero di rafforzare la struttura con 30 nuovi banker entro il 2020.

Chiara Merico di Chiara Merico9 luglio 2018 | 12:30

GLI INGRESSI – Continua l’attività di reclutamento avviata da Mediobanca Private Banking, che annuncia l’ingresso di quattro nuovi banker nella propria rete, attualmente composta da 87 professionisti. Salgono così a otto i nuovi inserimenti a partire da marzo 2018: un buon avvio per il raggiungimento dell’obiettivo dichiarato, ovvero di rafforzare la struttura con 30 nuovi banker entro il 2020. Emanuele Frigerio proviene dalla sede londinese di Citigroup, realtà nella quale ha trascorso quasi vent’anni con ruoli di crescente responsabilità – da ultima quella di Investment Counsellor per i clienti italiani – e dove ha maturato una comprovata esperienza nei prodotti e servizi dedicati alla clientela Ultra High Net Worth e Family OfficesMarco Lamberti proviene dalla divisione Private Bank di Citi, dove dal 2013 si è occupato della clientela UHNW con un particolare focus sulle gestioni patrimoniali dei Founding Partner nel mondo del Private Equity. Banker dal profilo internazionale, in precedenza ha lavorato per Falcon Money Management a Londra e per Bolsa de Barcelona  rispettivamente come Equity Research Analyst e come Equity Trader. Francesco Scollo, prima di approdare in Mediobanca Private Banking, ha lavorato per 12 anni presso la divisione Private di Credit Suisse in Italia. Dopo aver iniziato la carriera nel mondo dell’intermediazione, in cui può vantare l’esperienza presso la Direzione Finanza del Banco Ambrosiano Veneto, è passato al settore del Private Banking. In questo campo ha lavorato presso il Banco Ambrosiano Veneto, Banca MPS Private Banking, Banca Steinhauslin e IntesaBci Private Banking.  Marco Travia entra in Mediobanca Private Banking dopo una precedente esperienza presso la sede londinese di JP Morgan come specialista per gli Investimenti Alternativi, affiancando la clientela private nella costruzione di portafogli di private equity, private debt e UCITS alternativi. Con una carriera ultradecennale trascorsa all’estero ha lavorato per realtà internazionali come Cheyne Capital e Permal Group ricoprendo diversi incarichi negli Investimenti Alternativi. La divisione guidata da Angelo Viganò offre un servizio di Private & Investment Banking che beneficia delle sinergie con i servizi Corporate & Investment Banking di Mediobanca dedicati al segmento mid-corporate, capitalizzando l’esperienza di Piazzetta Cuccia nell’advisory e nel capital market.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mediobanca Private Banking prende Fiocchi da JpMorgan

Due ingressi per Mediobanca Private Banking

Ti può anche interessare

Private banking, scandalo a Coutts Bank

Lo consideravano un intoccabile ma Harry Keogh, 57 anni, manager di spicco del noto gruppo di privat ...

Ubs, Blessing alla guida del wealth management

Cambio al vertice  del wealth management di Ubs. Nelle prossime settimane Juerg Zeltner passerà i ...

Banca Patrimoni Sella, perfezionato l’accordo con Schroders

In base alla struttura dell’intesa, che ha ricevuto l’approvazione regolamentare da parte dell ...