Ubs, utile a +12% nel secondo trimestre

A
A
A

L’istituto ha registrato un utile ante imposte pubblicato di 1679 milioni di franchi svizzeri, in aumento del 12% su base annua, e un utile ante imposte rettificato di 1808 milioni di franchi svizzeri, in rialzo dell’8%.

Chiara Merico di Chiara Merico24 luglio 2018 | 10:48

Nel secondo trimestre Ubs ha messo a segno risultati positivi, con un utile ante imposte pubblicato di 1679 milioni di franchi svizzeri, in aumento del 12% su base annua, e un utile ante imposte rettificato di 1808 milioni di franchi svizzeri, in rialzo dell’8%. L’utile netto di competenza degli azionisti si è attestato a 1284 milioni di franchi svizzeri, in crescita del 9% rispetto al secondo trimestre del 2017. Nel trimestre il rendimento del patrimonio tangibile (ROTE) rettificato2, escluse le attività fiscali differite3, è stato del 16,7%.  “Sono soddisfatto dei risultati del secondo trimestre che hanno contribuito ad una solida semestrale, grazie anche ad una generazione di capitale particolarmente buona. Proseguiremo a rimanere focalizzati su crescita ed efficienza e a costruire sui punti di forza del nostro franchise globale”,  ha commentato il group ceo Sergio P. Ermotti.

Global Wealth Management ha messo a segno un utile ante imposte di 1037 milioni di franchi svizzeri, pari a un rialzo del 18% su base annua. Questo è stato trainato da una crescita a due cifre dell’utile ante imposte nelle Americhe e nel segmento Ultra-High Net Worth, da proventi netti ricorrenti da commissioni che hanno stabilito un nuovo record per gli ultimi dieci anni, proventi netti da interessi, prestiti e penetrazione dei mandati. L’utile ante imposte di personal & corporate banking è stato pari a 368 milioni di franchi svizzeri: i progressi dei proventi netti ricorrenti da commissioni e dei proventi da negoziazione sono stati infatti in grado di controbilanciare le persistenti pressioni derivanti dal contesto dei tassi d’interesse negativi; la crescita del volume netto di nuove operazioni si è confermata vigorosa. Asset Management ha messo a segno un utile ante imposte di 101 milioni di franchi svizzeri, in quanto l’impatto positivo derivante da un maggiore patrimonio investito è riuscito in gran parte a compensare l’effetto dalla vendita di attività nel periodo precedente e le pressioni sui margini; il patrimonio investito è salito a 810 miliardi di franchi svizzeri, raggiungendo il livello più alto da un decennio. Investment Bank ha riportato un utile ante imposte pari a 569 milioni di franchi svizzeri (+26% su base annua) e un rendimento rettificato del patrimonio attribuito del 23%, sulla scia di una forte crescita dei ricavi in Equities e in Foreign Exchange, Rates and Credit (FRC) nonché della costante gestione disciplinata delle risorse.  Nel secondo trimestre UBS ha riacquistato azioni proprie per 550 milioni di franchi svizzeri, centrando così l’obiettivo fissato per il 2018 nell’ambito del programma di riacquisto di azioni fino a 2 miliardi di franchi svizzeri nell’arco di tre anni. UBS vanta tuttora una posizione patrimoniale molto solida, con un coefficiente patrimoniale CET1 del 13,4%, un indice di leva finanziaria CET1 del 3,75% e una capacità totale di assorbimento delle perdite pari a 81 miliardi di franchi svizzeri.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs Asset Management, la visione perfetta davanti ai cf

Wealth management, colpo grosso di Ubs

Ubs rinnega le azioni: non accadeva dal 2012

Fisco, caccia grossa in Svizzera

Ubs, tassi negativi per i paperoni

Ubs pagherà 111,5 milioni di Euro al Fisco per evasione fiscale

UBS fa rotta sui private markets

Fondi, Ubs e Morgan Stanley dominano il trimestre

Fondi, in stallo il polo Dws-Ubs

Cina, la regina dei mercati emergenti

Gestori in vetrina – Ubs GWM

Trimestrali contrastanti per le big svizzere

Ubs, multa record di 4,5 miliardi. “Aiutava i clienti ad evadere il fisco”

Ubs AM di nuovo “on the road”

Etf, Ubs AM amplia la gamma sostenibile

Banche, servono 95 mld di bond

Dopo Ubs ed Edmond de Rothschild, Rossi alla guida di Euclidea Sim

UBS: l’utile cresce a due cifre

Ubs punta sui Paperoni americani

Gestori, colpo grosso da Ubs a Pimco

Federici torna in pista con Ubs

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Ubs non ha paura dello yuan

Etf a tutto investment grade con Ubs

Etf, raccolta in picchiata

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

I Paperoni vogliono vivere fino a cent’anni

L’espresso di Ubs sul Sedex

Ubs, un etf sul gender gap

Etf: large e mid cap in chiave sostenibile con Ubs AM

Ubs prende parte del business private di Nordea

UBS, balza l’utile netto

Eventi, il Roadshow 2018 di UBS Asset Management

Ti può anche interessare

Santander, Orcel affila le armi

Andrea Orcel si prepara alla battaglia legale dopo che il cda di Banco Santander ha bocciato la sua ...

Nuove nomine, IWBank cala un asso

Prosegue il rafforzamento della squadra di IWBank Private Investments. La società ha infatti annun ...

Al via la fusione tra Arner e Gs Banque

Prosegue il consolidamento all’interno del mercato private europeo. L’istituto luganese ...