I Paperoni dei bitcoin

A
A
A
di Ugo Bertone27 luglio 2018 | 09:36

Meno di 100 Paperoni nel mondo controllano portafoglida 10mila a 100mila Bitcoin ciascuno, ovvero circa un terzo della ricchezza mondiale parcheggiata nella criptovaluta più diffusa.
È quanto risulta dalla recente ricerca di Chainalisys da cui emerge che la concentrazione della moneta virtuale è una delle cause
della grande volatilità del Bitcoin. Ma anche la ragione dei grandi guadagni per i (pochi) fortunati che sanno approfittare dei momenti di boom. Secondo la ricerca, nel novembre 2017 l’ammontare della moneta virtuale in mano ai proprietari di lunga data (un anno o più) era tre volte superiore a quella in mano agli investitori più recenti. Ma ad aprile la proporzione è cambiata: la quota in mano ai compratori più “freschi” era salita oltre i 5 milioni di Bitcoin.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bitcoin, adesso è crisi nera

Il crollo verticale del bitcoin, -30% in una settimana

Il Bitcoin torna sopra i 7mila dollari

No della Sec a nove Etf sul bitcoin

Con eToro i bitcoin scendono in campo in Inghilterra

Il libretto in Bitcoin rende fino al 16%

Blockchain e consumi alle stelle

Bitcoin, arrivano le criptotasse

Lusso al polso e pagamento in Bitcoin

Primi al traguardo con i Bitcoin

La blockchain oltre il bitcoin, rivivi il webinar

La vigilanza ha fallito

Escort e porno, le nuove frontiere dei Bitcoin

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

Dossier fiscale Bitcoin – La questione del riciclaggio

Investimenti, le criptovalute tra minaccia e opportunità

Bitcoin, quante insidie nella moneta virtuale

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini dell’IVA

Dossier fiscale Bitcoin – I riferimenti del regime fiscale

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Il Bitcoin subordinato

Consob, occhio al “Bitcoin code”

Bitcoin nel mirino in Francia

Bitcoin e fondi, questo matrimonio non s’ha da fare

Miliardari coi Bitcoin, storia dei fratelli Winklevoss

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Miccoli (Conio): “I bitcoin? Meglio destinarvi non più dell’1,5% del portafoglio”

Bitcoin, nasce il primo fondo che investe in critptovalute

Bitcoin, mille bancomat in Italia

La corsa del bitcoin? Colpa (o merito) degli hedge fund

Bill Miller, l’ex manager di Legg Mason che punta sui Bitcoin

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Ti può anche interessare

Mps, Foltran alla guida dell’area mercati e prodotti wealth management

La banca toscana ha promosso un manager interno nelle proprie attività di private banking e family ...

Arriva la mini voluntary. Ecco quanto costa e a chi si rivolge

Altro giro, verrebbe da dire, altro regalo. Lo scorso novembre 2017 infatti, in sede di conversione ...

La resilienza delle private bank svizzere

A dire la sua questa volta è James Breiding. visiting scholar del Center for International Developm ...