Arte da condividere

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio27 luglio 2018 | 10:26

Alessia Zorloni

Com’è ben dimostrato da numerosi report pubblicati negli ultimi anni, sono sempre di più le famiglie di imprenditori che investono parte del patrimonio nel collezionismo di opere d’arte. Le collezioni permanenti fondate da collezionisti privati offrono uno straordinario numero di opere ai propri fruitori ed eguagliano, e in molti casi superano, per numero e completezza, le collezioni delle istituzioni pubbliche.

 

Scelta di condivisione

Queste famiglie considerano la propria collezione come parte del patrimonio familiare e hanno una specifica esigenza di gestione e di protezione anche in vista della loro preservazione per le generazioni future. Così, ad esempio, è di fondamentale importanza definire delle strategie di valorizzazione della collezione attraverso prestiti a musei pubblici e privati o eventualmente identificare le istituzioni o i musei con i quali la famiglia intende creare delle partnership o fare delle donazioni. Quest’ultima è la strada scelta dalla famiglia Agrati, che dopo la morte di Peppino Agrati, il fratello Luigi, in accordo con la moglie, ha deciso di donare l’intera collezione di famiglia a Intesa Sanpaolo in modo che fosse pienamente valorizzata ed esposta al pubblico in una sede adeguata.

 

Novecento in vetrina

Uno degli esempi di collezionismo privato italiano più importante del Novecento, la Collezione Agrati è nata alla fine degli anni Sessanta grazie alla passione e all’intuito dei fratelli Luigi e Peppino e riunisce oggi più di 500 opere dei maggiori artisti della seconda metà del Novecento. Dall’informale alla pop art, dall’arte povera all’arte concettuale, fino agli sviluppi degli anni ’80, la collezione rappresenta le molteplicità di interessi dei fratelli Agrati e del loro modo di vivere l’arte contemporanea. Nutrita dagli intensi rapporti instaurati con gli artisti e dalla frequentazione dei più importanti spazi espositivi del panorama artistico internazionale, la raccolta, che ha una stima di mercato di 300 milioni, accoglie con grande precocità ricerche che saranno riconosciute solo in seguito quali momenti fondamentali dell’arte del secondo Novecento.

 

La mostra

Una selezione di 70 capolavori è visibile in anteprima fino al 19 agosto alle Gallerie d’Italia di Milano, nella mostra Arte come rivelazione. La mostra parte e si sviluppa attorno ad un nucleo di opere di Fausto Melotti (ben 19), artista con cui Peppino Agrati instaurerà nel corso degli anni un “folle amore”, come recita il titolo di un poetico lavoro del 1971; tra le numerose opere in mostra, spiccano “Triple Elvis” di Andy Warhol, “Financial District” di Jean-Michel Basquiat, un “Concetto spaziale” di Lucio Fontana, un “Trasmettitore Argento Glut” di Robert Rauschenberg e un “Achrome” di Piero Manzoni.

 

Scoperta a tappe

“Le opere in mostra ci parlano di un modo di concepire la collezione come scoperta e arricchimento, come condivisione di un mondo di immagini che incarnino il vivere contemporaneo”, commenta il curatore Luca Massimo Barbero. Sarà un’occasione unica per scoprire una delle più preziose e interessanti collezioni italiane d’arte contemporanea, che finalmente, con la donazione a Intesa Sanpaolo, viene resa pubblica. La mostra vuole essere anche un ricordo e un omaggio ai due industriali lombardi, che con coraggio e lungimiranza hanno dato vita a una collezione che si segnala a livello mondiale nel quadro delle raccolte d’arte private.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Eredità di valori

Maastricht: Per 10 giorni capitale mondiale dell’arte

Il Lotto sbanca le scuderie

Gli impressionisti di Sotheby’s e la beneficenza

The Italians re di Londra

Bronzino, pittore e poeta di corte

Lehman Brothers, all’asta i tesori per pagare i debiti

“I colori del buio. I Caravaggeschi nel patrimonio del Fondo Edifici di Culto”.

Basilea, capitale mondiale dell’arte

L’arte moderna di Sotheby’s a Milano

Maastricht, capitale mondiale dell’arte

Natura e simbolo dal ‘600 a Van Gogh

Da Sotheby’s New York all’asta gli antichi maestri

In asta il Leonardo d’america

Arte – San Giovanni di Leonardo a Milano

MILANO, Grattacielo Pirelli, la regione dà luce all’arte

Quattro secoli di capolavori dalla Fondazione Longhi a Padova

Dodici vedute veneziane nel museo dell'antiquario della famiglia Agnelli

Capolavori Italiani in asta a londra

Fondazione Antonveneta con Telemaco Signorini in mostra a Padova

Finarte vince la gara per l'asta Alitalia

Emilio Longoni alla GAM di MIlano

Attacca col Tè la Gioconda, arrestata turista Russa

Ferragosto a milano? Festeggiamo Napoleone in uno dei musei più belli del mondo

Tentata estorsione ai danni di Sotheby's

C'è crisi? E Christie's punta sull'iPhone

Arte – De Niro truffato per 1 milione di dollari

Art 40 Basel: qualità eccezionalmente elevata, ottimi risultati

Basilea capitale del mercato dell'arte

Ferrari: asta record per una 250 Testa Rossa

Tiene l'arte moderna in asta ieri da Sotheby's

L'Italia dell'arte cede il passo agli Stati Uniti

Nasce Twister, la rete dei musei di arte contemporanea

Ti può anche interessare

Hsbc Pb: ancora rosso in Svizzera

Il 2017 si chiude in rosso per  HSBC Private Bank Svizzera. La controllata elvetica del gruppo bri ...

Ardian cede ad Amp Capital la sua quota nell’aeroporto di Luton

Lo scalo londinese è il quinto più grande aeroporto in UK in termini di numero di passeggeri. ...

Private banking, sbarco libanese in Francia

Il gruppo libanese Société Générale de Banque au Liban (SGBL) ha acquisito la filiale francese e ...