Come ti fidelizzo il private banker

A
A
A
di Matteo Chiamenti 10 Agosto 2018 | 11:51
I quattro principali metodi di “aggancio” adottati nel mercato italiano

Nella giornata di ieri vi avevamo presentato una sintesi dell’indagine Magstat – Il private banking in Italia – Ed. 2018. Ora vogliamo soffermarci su un elemento analizzato dalla ricerca, ovvero quelli che sono, alla statuo attuale, i principali strumenti di fidelizzazione per blindare il private banker. Vediamoli insieme.

PATTO DI NON CONCORRENZA

Il private banker si impegna a non esercitare delle attività in concorrenza su un certo territorio (1 o più regioni) per un certo periodo di tempo (da 12 a 24 mesi) dalla data di cessazione del rapporto di lavoro. In cambio riceve un’indennità/bouns che si aggiunge alla retribuzione annuale lorda. L’indennità viene generalmente corrisposta in 12/13 mensilità. L’indennità può anche essere liquidata in 2 rate semestrali posticipate, oppure in un’unica rata. In caso di inadempimento è prevista una penale che può anche essere pari a due-tre volte l’ultima retribuzione annuale lorda, ferme restando la risarcibilità del danno ulteriore che dovesse derivare da tale condotta e la facoltà della Banca di inibire, in ogni forma, anche con il ricorso a misure cautelari, ogni perdurante comportamento che si ponesse in violazione anche uno soltanto degli impegni assunti dal Dipendente con il patto.

PATTO DI STABILITÁ O DURATA MINIMA

Il private banker si impegna a non lasciare la banca per un determinato periodo che solitamente varia da 1 a 5 anni. In cambio riceve un’indennità che si aggiunge alla retribuzione annuale lorda. In caso di inadempimento è prevista a carico del private banker una penale che solitamente non è maggiore dell’ultima retribuzione annuale lorda.

PATTO DI PROLUNGAMENTO DEL PERIODO DI PREAVVISO

Il private banker è obbligato ad avvisare almeno 3/24 mesi prima l’intenzione di lasciare la banca. In caso di inadempimento è prevista a carico del private banker una penale.

PREMI IN DENARO E STOCK OPTION

Il private banker riceve periodicamente e/o ad obiettivi raggiunti delle azioni della banca oppure un premio in denaro. Questi premi vengono generalmente dilazionati nel tempo per tutelarsi in caso di scioglimento del rapporto di lavoro. I piani di azionariato vengono spesso adottati dalle reti di pf quotate (come Azimut, Banca Generali e Mediolanum) come forma di incentivo per fidelizzare i propri promotori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Obiettivo mille miliardi per il Pb italiano

Il private migliore passa dalle reti

Rapporto Magstat – Più c’è crisi più i family office aumentano

NEWSLETTER
Iscriviti
X