Private equity ricoperti d’oro, ma i rendimenti deludono

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio21 agosto 2018 | 10:55

Ricche commissioni, ma rendimenti scarni. Crescono gli interrogativi intorno ai gestori di private equity. Una ricerca  della Oxford Saïd Business School basata sul database di Burgiss rivela che dal 2006 in avanti i player statunitensi hanno addebitato ai loro clienti commissioni e spese per 400 miliardi di dollari, ma in media hanno reso meno dell’indice S&P 500.

I fondi pensione e altri investitori istituzionali, alla ricerca di rendimenti migliori dopo la crisi finanziaria del 2007-08, hanno aumentato le allocazioni a strategie illiquide di private equity e questo ha generato una corsa all’oro per società come Blackstone, KKR, Apollo, Carlyle e CVC Capital. Gli investitori, tuttavia, hanno difficoltà a valutare il rapporto qualità-prezzo a causa di accordi complessi e opachi che consentono ai gestori di private equity di addebitare più livelli di commissioni nascoste. Tutto questo mentre tra il 2006 e la fine del 2015 circa 2mila di nuova liquidità sono stati raccolti dagli investitori da gestori di private equity statunitensi. Uno squilibrio difficile da sostenere a lungo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I motori del private equity

L’Italia piace meno al private equity

Doppio record per il private equity italiano

Il gigante del private equity punta sul mattone italiano

Centurion Global Fund, nuovo investimento per il private equity

Roberto Nicastro si racconta

Il private equity sfida il vento contrario

Corsa a tre per i ristoranti nippo-brasiliani

Warburg mette gli occhi su una controllata di Mps

Novità in casa Tikehau Capital

Compagnie assicurative nel mirino del private equity

I private equity puntano sull’Est Europa

Addio a uno dei pionieri nella gestione di fondi di private equity

Il private equity mette la retro

Polizze, l’avanzata del private equity

A caccia di prede alternative

A caccia di alternativi

Bonomi punta sull’illuminazione di alta gamma

Ritorni a doppia cifra per il private equity in Italia

La nuova Clessidra si rimette in moto

Bonomi punta sul cacao

Apax sceglie l’Italia

Private equity, 5 anni con il turbo

Private equity, adesso la leva fa paura

Il fondo private a caccia di banche in Italia

Rossopomodoro passa di mano

Private equity, volano gli investimenti in India

Private equity, battaglia in Indonesia

Nel private equity è l’ora del secondario

Blue Skye mette nel mirino Fila

Il private equity punta sul Fintech

Blackstone, prime mosse sullo scacchiere della successione

Private equity, l’indice di State Street segna bel tempo

Ti può anche interessare

Ubs punta sui robot

“Il fintech non cannibalizzerà il credito tradizionale”. Sergio Ermotti (nella foto), ...

Collezionisti in cerca di buone pratiche

Alessia Zorloni Molte transazioni di opere d’arte si concludono con discussioni e dispute legali. ...

Banca del Piemonte, 2017 in crescita

L'utile al netto delle imposte si attesta a 7,2 milioni, in aumento del 30% sul 2016. ...