Private banking con il freno a mano tirato

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio8 ottobre 2018 | 07:37

Raccolta netta ancora positiva (+3%), per quanto in rallentamento rispetto al passato, ma effetto performance negativo che ha quasi annullato i guadagni complessivi. E’ uno scenario multiforme quello che ha caratterizzato il private banking italiano nel primo semestre secondo l’analisi di McKinsey.

Il settore resta uno dei più interessanti per il comparto bancario, con un rendimento del capitale netto che nel mercato europeo si attesta intorno al 13%. E anche il trend è fin qui stato positivo con una crescita media annua dei profitti del 6% nell’ultimo lustro. Tuttavia, avvertono gli esperti, lo scenario è destinato a complicarsi man mano che si faranno sentire gli effetti della Mifid 2. La stima è che nell’arco di tre anni i margini sui ricavi potranno scendere fino al 2% per le banche private e fino al 10% per le reti di consulenti finanziari e gli asset manager.

Un colpo per l’industria, con impatti differenziati che potrebbero creare tensioni tra i vari attori della filiera.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi europei: febbraio da brividi, ma si salvano i bond

Anima, la raccolta frena a febbraio

Mediolanum, raccolta più forte del blocco Pir

Assoreti, a novembre riparte la raccolta

Raccolta giugno, testa a testa tra Foti e Mossa. Fideuram leader tra i gruppi

Consulenti sempre più sul trono del gestito

C’è un Plus nella produzione di Fineco

B.Mediolanum, cala l’utile e rallenta la raccolta

Reti, a ottobre riparte la raccolta

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Pictet oltre i 10 miliardi

Risparmio gestito, Eurizon stacca tutti

Reti, raccolta positiva ma in frenata

Il risparmio gestito sopra la vetta dei 2mila miliardi

Reti, raccolta boom grazie a fondi e polizze

Assoreti, fondi e polizze trainano la raccolta di aprile

Assoreti: raccolta sprint a marzo grazie al gestito

Private Equity, raccolta record nel primo trimestre

Assoreti, la raccolta dei cf accelera a febbraio

Cattolica Assicurazioni, utili in crescita e raccolta in calo

Reti, ottima la raccolta nel 2016 ma non batte il record

Anima, frena la raccolta ma crescono le masse

Fineco, la raccolta supera i 5 miliardi ma non batte il record

Anima, raccolta col vento in poppa anche a giugno

Banca Mediolanum, il gestito traina la raccolta a giugno

UnipolSai, l’utile c’è ma gli oneri straordinari lo penalizzano

Banche – L’impegno sociale premia Veneto Banca

Blue Chips Fondi, gli azionari tornano di moda

Blue Chips Fondi, movimenti sul monetario

Anima SGR, rallentano i deflussi

Blue Chips, capitali verso i fondi azionari

Blue Chips Fondi, stop ai deflussi

Blue Chips Fondi, bye-bye 100 miliardi

Ti può anche interessare

Nozze di perla nel private banking di Fideuram

Uno dei primi dieci migliori private banker festeggia i 30 anni di attività ...

Igea-Banca del Fucino: così riparte la storica private bank

La storia di Banca del Fucino riparte dall’accordo con Igea Banca, presieduta da Mauro Masi ...

Private banking – parcella, giochi di seduzione

Sempre più family office e gestori di grandi patrimoni sono pagati a provvigione ...