Competenze, competizione e crescita per il private di Mps

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 8 Ottobre 2018 | 13:49
“Competenze per Competere: Guidiamo la nostra crescita” è il claim dell’edizione 2018 del meeting annuale del private banking di Banca Monte dei Paschi di Siena, che ha riunito a Roma oltre 400 banker da tutta Italia.

“Competenze per Competere: Guidiamo la nostra crescita”. Questo il claim dell’edizione 2018 del meeting annuale del private banking di Banca Monte dei Paschi di Siena che ha riunito a Roma oltre 400 banker da tutta Italia. La due giorni di lavoro è stata l’occasione per costruire un percorso formativo identitario, nell’ambito del quale i banker hanno potuto mettersi alla prova sviluppando le proprie competenze e le proprie capacità di interpretare i bisogni del cliente. Per BMps, infatti, l’evoluzione della competenza rappresenta un punto distintivo e una leva di forte competitività sul mercato. Per Federico Vitto, responsabile della direzione wealth management di Banca Mps, “una formazione di elevata qualità consente ai nostri banker di migliorare le loro competenze integrandole con l’utilizzo di una tecnologia evoluta, che accelera i processi di risposta. Siamo così in grado di individuare rapidamente le esigenze del cliente private e proporre soluzioni personalizzate attraverso una consulenza integrata. Nel momento attuale il binomio tra tecnologia e competenza è l’elemento fondamentale per differenziarsi ed essere competitivi sul mercato”.

Il programma del Meeting Private 2018 si è sviluppato su tre concetti chiave: Competenze, competizione e crescita. Nell’ambito delle Competenze i banker hanno partecipato a numerosi percorsi formativi, sviluppati in diverse sessioni con le case d’investimento, in continuità con l’attività di aggiornamento svolta costantemente durante l’anno anche da enti certificati, tra cui l’Academy della London Stock Exchange. L’obiettivo è quello di ampliare le competenze distintive per competere in un mercato in rapida evoluzione.
La formazione diventa una delle  leve per la Competizione sul mercato; il costante aggiornamento, unito a passione, curiosità e voglia di apprendimento, costituiscono la chiave vincente per stare a fianco dei clienti ed essere un valido punto di riferimento per tutte le loro esigenze.
Infine il tema della Crescita. Il banker deve evolvere operando mediante un modello avanzato di advisory integrato e sviluppando competenze specialistiche ma con caratteristiche di trasversalità; dovrà altresì avere la capacità di individuare i professionisti dotati delle competenze necessarie per fornire il servizio più adeguato al cliente È infatti fondamentale avere una visione progettuale dei suoi bisogni così che la gestione del patrimonio sia armonica rispetto a tutte le sue esigenze connesse al ciclo di vita personale e professionale.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Officina Mps: al via la call sull’open banking

SocGen ed Mps, tra esuberi e tagli alle filiali

Mps, exit strategy del Mef

Ti può anche interessare

La dinastia dei banchieri purosangue

Francesca Vercesi     Weatherbys è abituata alle richieste insolite dei suoi clienti, gra ...

Banca Generali, il private cresce in Toscana

Nuova sede di Banca Generali Private in Toscana. Ieri sera, Alessandro Mauri, area manager, e Grazia ...

Le private bank puntino sugli affluent

Le attuali condizioni di mercato sono una dura prova per i gestori di patrimoni, in quanto mettono a ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X