Private banking, anche in Asia crescere è diventato un’impresa

A
A
A
Private di Private12 ottobre 2018 | 07:02

I ritmi di crescita visti fino a qualche anno fa non torneranno. Anche in Asia il private banking è ormai diventato un mercato maturo, caratterizzato da una concorrenza agguerrita che è disposta a spuntare margini ridotti pur di conquistare nuovi clienti. E’ la view dell’amministratore delegato di Julius Baer, Bernhard Hodler, intervistato da Business Time.

Per altro, spiega il banchiere, il mercato deve fare i conti con spese crescenti a causa di una regolamentazione sempre più severa e degli investimenti richiesti dalla tecnologia. Con 115 miliardi di dollari di attività gestite, Julius Baer è il quinto più grande gestore patrimoniale in Asia, dopo UBS, Citigroup, Credit Suisse e HSBC.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Si apre una nuova pista per Banca del Fucino

Citi sceglie Milano

Le private bank svizzere puntano sul Sudafrica

Ti può anche interessare

Paolo Langé è il nuovo presidente di Aipb

Come anticipato ieri, l’ ...

Unicredit, un nuovo nome per il wealth management

Importante nomina per il wealth managenent di casa UniCredit. La società ha annunciato di aver scel ...

Enasarco, Rausch è tornato al private svizzero

L'ex cfo della fondazione spegne le polemiche. Sarà head of pb‎ di Efg International ...