Private banking, anche in Asia crescere è diventato un’impresa

A
A
A
Private di Private 12 Ottobre 2018 | 07:02

I ritmi di crescita visti fino a qualche anno fa non torneranno. Anche in Asia il private banking è ormai diventato un mercato maturo, caratterizzato da una concorrenza agguerrita che è disposta a spuntare margini ridotti pur di conquistare nuovi clienti. E’ la view dell’amministratore delegato di Julius Baer, Bernhard Hodler, intervistato da Business Time.

Per altro, spiega il banchiere, il mercato deve fare i conti con spese crescenti a causa di una regolamentazione sempre più severa e degli investimenti richiesti dalla tecnologia. Con 115 miliardi di dollari di attività gestite, Julius Baer è il quinto più grande gestore patrimoniale in Asia, dopo UBS, Citigroup, Credit Suisse e HSBC.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Si apre una nuova pista per Banca del Fucino

Citi sceglie Milano

Le private bank svizzere puntano sul Sudafrica

Ti può anche interessare

E’ boom per il corporate venture capital

Aziende di medio-grandi o grandi dimensioni che acquistano quote di startup in modo da accelerare i ...

Recessione: gli hedge fund suonano il campanello d’allarme

Non bastassero il calo del Pil in Germania e l’inversione della curva sui Treasury, dagli hedg ...

Banca Generali innova il private banking

Inaugurato a Milano il BG Training & Innovation, un nuovo centro dedicato alla formazione e all ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X