Credem mette nel mirino i grandi patrimoni

A
A
A

La decisione della società di accelerare nel business della gestione dei grandi portafogli

Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio29 ottobre 2018 | 14:12

A fronte delle grandi incertezze che caratterizzano il quadro economico e finanziario italiano, una delle poche certezze è data dai patrimoni familiari. Che restano abbondanti e in cerca di investimenti alternativi alle asset class tradizionali, che sempre meno si rivelano porti sicuri.

E’ in questo scenario che va inquadrata la decisione di Credem di accelerare nel business della gestione dei grandi portafogli. La divisione private banking di Credem guidata da Gianluca Rondini ha l’obiettivo di arrivare a fine 2018 a 1,2 miliardi di euro di nuova raccolta e 1.500 nuovi clienti. Nel primo semestre dell’anno la divisione ha già raggiunto 600 milioni di euro di nuova raccolta, di cui oltre la metà in prodotti gestiti, per raggiungere 19 miliardi di euro di masse in gestione di cui 11 di raccolta gestita. Da gennaio a fine giugno, inoltre, sono stati attivati rapporti con 840 nuovi clienti.

Forte attenzione è stata rivolta anche all’ulteriore rafforzamento della rete di private banker con 20 nuovi inserimenti nella prima metà dell’anno. L’obiettivo per fine 2018 è inserirne ulteriori 5 professionisti.

“Non basta la costruzione di un modello organizzativo e l’assunzione di professionisti competenti per agire un modello di wealth planning”, spiega Rondini. “Serve una forte consapevolezza delle opportunità collegate ai temi non allocativi da parte dei private banker, un set nuovo di attitudini relazionali per governare in modo consapevole le relazioni con i diversi attori coinvolti siano essi clienti, private, advisor interni o studi professionale esterni ed una maggiore sensibilità su diversi temi strategici per i clienti”,

La divisione di private banking Credem fa riferimento all’area wealth management, coordinata da Matteo Benetti, che raggruppa le quattro reti wealth management di gruppo, con volumi complessivi per 35 miliardi di euro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche e reti, i consulenti hanno una marcia in più

Conti correnti: gli Italiani sono più parsimoniosi

Ubi Banca va di nuovo a canestro

Reti, Banca Consulia tratta con Unica Sim

Banca Generali e la festa dei bambini a Citylife

CheBanca!, reclutamento senza sosta

Reti, ora la fee è (quasi) una certezza

Banche, l’Italia è un modello virtuoso

BlackRock-Carige, niente nuovi esuberi

Fineco si gode private banking e indipendenza

Banche, la politica ammazza l’utile

Dossier reclutamento – Widiba

Dossier reclutamento – IWBank PI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Ti può anche interessare

Cosa succede agli hedge fund?

La luce che indica l’uscita dal tunnel non si vede ancora. Dopo un mese di ottobre negativo (- ...

NB Aurora prende una quota di minoranza in Club del Sole

NB Aurora, insieme ad alcuni family office italiani, acquisirà una quota pari a circa il 40% per un ...

Ardian prende la maggioranza di Trustteam

Fondata nel 2002 dall’attuale ceo Stijn Vandeputte, Trustteam offre un’ampia gamma di soluzioni ...