Così la finanza alternativa sostiene le Pmi

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio13 novembre 2018 | 07:58

La finanza alternativa comincia a uscire da una dimensione di nicchia e a proporsi come una soluzione importante per le piccole e medie imprese italiane a caccia di liquidità. Secondo uno studio pubblicato dagli Osservatori Entrepreneurship & Finance della School of Management del Politecnico di Milano, tra il 2017 e il primo semestre 2018 le Pmi italiane hanno raccolto circa 3,5 miliardi di euro dagli investitori di finanza alternativa.

La quota più importante di capitali è arrivata tramite il canale dei minibond, che costituiscono il 51% del mercato (contro il 28% del periodo 2008-2018) e 1,84 miliardi di finanziamenti generati. Al secondo posto si trova il private equity (considerato solo per le operazioni di expansion e replacement) e il venture capital, al 22% del mercato.

Comincia ad assumere una certa consistenza anche l’invoice trading,che vale il 16% del mercato e che nei 18 mesi ha prodotto un flusso di finanziamenti quasi pari a quello dell’ultimo decennio. Ancora minoritari, ma in crescita il crowdfunding (3%) e le Ico (al 2%).


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Deutsche Bank Financial Advisors, doppio rinforzo per il private

Le due new entry vanno a rafforzare la Private Advisory Unit (PAU), la divisione della rete dei cons ...

“Lo stupore della bellezza” con Patrimoni Sella

Il lusso come compagno di viaggio nel lungo percorso della cultura occidentale. E’ lo spirito ...

Nuova era per Cesare Ponti

Intesa Sanpaolo che punta sul modello di wealth management company, Finnat che annuncia investimenti ...