Si apre una nuova pista per Banca del Fucino

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio19 novembre 2018 | 07:50

Si apre una nuova strada per il futuro di Banca del Fucino, storica private bank laziale, da tempo in cerca di rilancio. Nei mesi scorsi  si era arrivati a un passo dall’accordo con Barents: con il gruppo britannico era stato  siglato un  memorandum of understanding, con l’obiettivo di arrivare a un’intesa definitiva consistente in un  aumento di capitale di 50 milioni di euro e il deconsolidamento dell’intero portafoglio di 300 milioni di euro di crediti deteriorati (Npe). Poi però le trattative erano andate per le lunghe, arenandosi.

Voci di mercato accreditano ora interessata a siglare un accordo per trattative d’acquisto in esclusiva Igea, l’ex Popolare dell’Etna, che ha quattro filiali in Italia: Roma, Catania, Bronte e Palermo. Una realtà nata con l’obiettivo di diventare una banca commerciale specializzata sul community banking.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Citi sceglie Milano

Le private bank svizzere puntano sul Sudafrica

Citibank prepara lo sbarco a Milano

Ti può anche interessare

Hedge fund, l’importanza del recupero

L'investitore in asset alternativi mette in conto performance negativi duranti i cicli Orso del merc ...

Terremoto in Bim

L’attuale a.d. Colafrancesco indisponibile a proseguire: fuori dalla lista di maggioranza per il n ...

Hsbc ha un nuovo capo del private banking

Antonio Simoes è il nuovo responsabile private banking globale di Hsbc. Entrerà in servizio il 1 ...