Si apre una nuova pista per Banca del Fucino

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio19 novembre 2018 | 07:50

Si apre una nuova strada per il futuro di Banca del Fucino, storica private bank laziale, da tempo in cerca di rilancio. Nei mesi scorsi  si era arrivati a un passo dall’accordo con Barents: con il gruppo britannico era stato  siglato un  memorandum of understanding, con l’obiettivo di arrivare a un’intesa definitiva consistente in un  aumento di capitale di 50 milioni di euro e il deconsolidamento dell’intero portafoglio di 300 milioni di euro di crediti deteriorati (Npe). Poi però le trattative erano andate per le lunghe, arenandosi.

Voci di mercato accreditano ora interessata a siglare un accordo per trattative d’acquisto in esclusiva Igea, l’ex Popolare dell’Etna, che ha quattro filiali in Italia: Roma, Catania, Bronte e Palermo. Una realtà nata con l’obiettivo di diventare una banca commerciale specializzata sul community banking.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Citi sceglie Milano

Le private bank svizzere puntano sul Sudafrica

Citibank prepara lo sbarco a Milano

Ti può anche interessare

Private banking in Asia, il risiko continuerà. Parola di principe

E’ la previsione del principe Maximillian del Liechtenstein, ceo del gruppo LGT ...

Polizze, l’avanzata del private equity

I private equity scommettono sul mercato assicurativo italiano specie perché le polizze sono promet ...

È l’ora di costruire l’arca

di Angelo Deiana Fintech, crisi digitale, Mifid 2, Idd, Psd 2, conti economici da rifare e dunque tu ...