Igea-Banca del Fucino: così riparte la storica private bank

A
A
A
di Luigi Dell'Olio 24 Dicembre 2018 | 08:51

La storia di Banca del Fucino riparte dall’accordo con Igea Banca, presieduta da Mauro Masi (nella foto) e guidata da Francesco Maiolini.

Dopo che nei mesi scorsi sembrava a un passo l’intesa con il gruppo riassicurativo Barents, alla fine la private bank dei principi Torlonia, da tempo in difficoltà (ha archiviato il 2017 con 47,5 milioni di euro di perdite) è finita tra le braccia dell’istituto etneo,  forte di 2,6 miliardi di raccolta e circa 650 milioni di impieghi (dopo la cessione di 314 milioni di npl alla Sga)..

L’operazione prevede un’iniezione di capitale da 150 milioni di euro da parte di Igea e la fusione dei due istituti e la nascita di Nuova  Banca del Fucino, guidata da Alessandro Poma Murialdo. All’operazione partecipano con quote diverse anche  la Fondazione Banca Monte di Lombardia e la Fondazione Pescarabruzzo. La famiglia Torlonia rimarrà nel board, con Poma Murialdo vicepresidente e in tre anni tornerà nell’ azionariato. Perché l’ operazione vada in porto serve l’ intervento, per poco meno di 20 milioni, del sistema bancario attraverso lo Schema Volontario del Fitd.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca del Fucino punta sulla startup

Banca del Fucino, pronti per il rilancio con Igea

Da SGA offerta vincolante a Banca del Fucino per la cartolarizzazione di un portafoglio di Npe

NEWSLETTER
Iscriviti
X