Santander si ricrede su Orcel: costa troppo

A
A
A

Il cda di Santander rinuncia al banchiere italiano, che era stato annunciato a settembre come nuovo ceo

Marcello Astorri di Marcello Astorri16 gennaio 2019 | 12:07

Il consiglio d’amministrazione di Santander ha bocciato la nomina dell’italiano Andrea Orcel a nuovo amministratore delegato. Una decisione a sorpresa, dal momento che la scelta di Orcel come nuovo timoniere era stata annunciata dallo stesso istituto spagnolo a settembre. In pratica, il dirigente, presidente uscente di Ubs Investment Banking, ha perso il lavoro prima ancora di cominciare.

Santander, prima banca europea per capitalizzazione, si è ricreduta nei confronti di Orcel per i costi, ritenuti eccessivi, che l’istituto avrebbe dovuto sborsare per prelevarlo da Ubs. L’istituto iberico, infatti, avrebbe dovuto riconoscere a Orcel bonus per circa 50 milioni di euro, cifra già prevista dagli accordi con Ubs per i prossimi sette anni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Torna il toro Merrill Lynch: sui biglietti da visita

Ti può anche interessare

Faro dell’antiriciclaggio sui private banker

Nel collocamento di prodotti e strumenti finanziari vi è un rischio sistemico di riciclaggio deriva ...

I wealth manager e la sfida della financial data science

Nell’evento organizzato da GFT Italia e Virtual B, in evidenza il potenziale dei dati posseduti da ...

Programma 102 investe1,5 milioni di euro in Wonderflow

Si tratta del primo investimento di Programma 102, fondo lanciato a maggio con l’obiettivo di ra ...