Banca Finnat “disegna” il futuro del private banking

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio 24 Gennaio 2019 | 15:37

Il rafforzamento dell’organico di private banker, una nuova sede a Milano e una nuova “idea” relativamente all’evoluzione del mercato. Incontrando i giornalisti a Milano, l’amministratore delegato di Banca Finnat Arturo Nattino (nella foto) ha fornito una serie di indicazioni sul futuro della società romana e del mercato più in generale. “Oggi gestiamo masse per poco più di 16 miliardi di euro, di cui 4,5 miliardi nel private banking. L’obiettivo è arrivare a 18 miliardi entro il 2020”.

La crescita sarà supportata da nuovi reclutamenti (“Entreranno banker di esperienza, mentre non ci interessa fare acquisizioni”) e da una nuova sede a Milano nei pressi di via Manzoni.

Quanto all’evoluzione del private banking, Banca Finnat vede un modello di multi family office evoluto, in cui alle attività di wealth management, si affiancano pianificazione fiscale e legale, attività di family governance (come la costituzione di patti di famiglia), filantropia e servizi corporate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ftse Mib prossimo a un forte movimento direzionale

Star conference 2019, Banca Finnat punta a crescere ulteriormente

Banca Finnat, nei conti 2018 sorride la raccolta

NEWSLETTER
Iscriviti
X