Private banking, prezzi troppo alti

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 21 Febbraio 2019 | 11:16
Secondo Esma e Mediobanca, i costi italiani sono i più alti d’Europa

I costi del private banking italiano sono, in media, intorno al 3% e ciò ne fa i più salati del panorama europeo. A sostenerlo è uno studio dell’Esma, l’omologa della Consob su scala europea. Cosa confermata anche da un’analisi di Mediobanca sul private banking del Belpaese. Ma nonostante questo, come riporta Il Sole 24 Ore, la ricchezza finanziaria degli italiani continua a crescere e ammonta a quota 4.000 miliardi di euro. Aumenta anche il tasso di risparmio, risalito al 9,7%.  Il settore del Private banking, quindi, rimane attraente anche per le società estere. Il Sole fa l’esempio di Efg, gruppo svizzero con 150 miliardi in gestione che è già sbarcato sul mercato tricolore. Cosa che aumenta la concorrenza per le banche tradizionali italiane e, con l’arrivo della Mifid 2, la competizione sarà sempre di più su costi e qualità del servizio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti e gestori, tremano i profitti con la scure dell’Esma

Derivati, una potenziale Hiroshima da 735 trilioni

Mifid 2 flop, Esma pensa alla revisione

NEWSLETTER
Iscriviti
X