Investment bank, porte girevoli ai vertici

A
A
A
Private di Private25 febbraio 2019 | 07:55

L’ultima nomina è quella di Gerardo Braggiotti (nella foto) a country advisor di Goldman Sachs. L’ex Mediobanca e Lazard Fréres farà riferimento alla nuova sede milanese che ospita un centinaio di banker. Sono numerose le investment bank internazionali che negli ultimi tempi hanno rinnovato i vertici italiani.

Sulla stessa linea della concorrente si sta muovendo Jp Morgan, che sta cambiando uffici nel capoluogo meneghino dopo aver nominato nei mesi scorsi il nuovo senior country officer, Francesco Cardinali, che tra gli altri è affiancato dall’ex ministro delle Finanze, Vittorio Grilli, chairman per il Cib di Europa, Medio Oriente e Africa.

A novembre ha rinnovato la posizione di vertice anche UBS, ora ora guidata da Riccardo Mulone. Mentre Bnp Paribas un anno fa ha affidato il Cib all’executive chairman Vittorio Ogliengo, ex Unicredit.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UBS, al via la corsa al dopo Ermotti

UBS, la frontiera dell’investment baking

Accenture: digitalizzazione sfida chiave per l’investment banking

Ti può anche interessare

Mercato dell’arte: la qualità paga

Di Alessandro Cuomo – Resp. Dip. Finarte Arte Moderna e Contemporanea   Il mercato dell ...

Deutsche Bank, Parazzini sale nel wealth management

Già responsabile per il Sud Europa, allarga la sua attività a Francia e Belgio ...

L’Europa di Deutsche Bank Pb a de Sanctis

Dal 1° dicembre Claudio de Sanctis sarà responsabile del private banking europeo di Deutsche Ba ...