Banca Cesare Ponti, strategia d’attacco

A
A
A
Private di Private22 marzo 2019 | 08:39

“Entro l’estate vogliamo aprire 10 nuove filiali nelle principali città italiane”. Così Maurizio Zancanaro (nella foto), amministratore delegato di Banca Cesare Ponti,  ha presentato i piani della private bank del gruppo Carige. L’istituto ha appena aperto una nuova sede a Genova e si appresta ad aprire sportelli a Savona, ad Alassio, a Carrara, a Lucca, a Roma, a Torino, a Como e Padova.

Banca Cesare Ponti, i piani di sviluppo

“Partiamo con un patrimonio intorno ai 13 miliardi di euro, abbiamo un piano di sviluppo per arrivare ai 18 miliardi entro il 2023″, ha spiegato Zancanaro. “In questa crescita ci poniamo su un livello importante. Se togliamo le big Intesa e Unicredit ci poniamo tra le prime banche di private banking in Italia”. Quanto al piano di crescita, l’ad ha spiegato: “Nell’arco di tre anni, quando compiremo 150 anni dalla fonfazione, saremo un punto di riferimento nel mercato del private banking”.

Banca Cesare Ponti è un pilastro di Carige

“Cesare Ponti è uno degli elementi centrali del piano industriale”, ha spiegato Fabio  Innocenzi, amministratore delegato di Carige. Per poi aggiungere che sulla private bank sono in programma ingenti investimenti nei prossimi anni. Proprio per questa ragione, ha concluso, l’asset non è in vendita.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Aiaf offre il diploma in International Wealth Management

Siglata una partnership con l’Association of International Wealth Management (AIWM) per offrire i ...

Banca Finnat, un 2018 dal segno più

La banca guidata da Arturo Nattino chiude bene il 2018 ...

I fondi pensione spingono il private equity

Da sempre tra le cause che frenano il definitivo decollo del private equity in Italia si fa riferime ...