Paolo Langé è il nuovo presidente di Aipb

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio12 aprile 2019 | 12:32

Come anticipato ieri, l’assemblea di Aipb-Associazione italiana private banking ha eletto all’unanimità come nuovo presidente per i prossimi tre anni Paolo Langé (nella foto), amministratore delegato di Cordusio Sim. L’assise ha anche confermato Antonella Massari nella carica di segretario generale.

Nuova stagione

Langé succede a Fabio Innocenzi, a lungo alla guida di UBS in Italia e da qualche mese passato a una banca generalista come Carige. Nel gruppo ligure è anche entrato Maurizio Zancanaro, a sua volta presidente di Aipb tra il 2013 e il 2016.

Chi è Paolo Langé, neo presidente di Aipb

Langé ha iniziato la sua attività professionale nel 1972 nell’ufficio di Borsa di Banca Unione a Milano. Nel 1980 ha fondato con alcuni soci la Compagnia Mobiliare di Milano e Fideur Fiduciaria Europa, specializzata nelle gestioni patrimoniali. Nel 2000 è entrato in Leonardo Sgr, di cui è divenuto presidente nel 2006. Una carica che ha mantenuto fino alla cessione. Da due anni è alla guida di Cordusio Sim, società del gruppo Unicredit. Laureato in Economia e commercio presso l’Università Cattolica di Milano, è sposato e ha 2 figli.

Langé, il primo discorso

Nel suo primo discorso ai soci di Aipb, Langé ha ripercorso brevemente gli importanti risultati raggiunti dall’associazione nell’ultimo triennio, periodo che ha visto l’Associazione consolidare il proprio profilo quale punto di riferimento e supporto per un settore in grande sviluppo.

“Oggi il patrimonio gestito dal private banking ha raggiunto il rilevante traguardo di 800 miliardi di euro e le previsioni, nonostante le possibili ripercussioni di una congiuntura economica sulla carta non troppo favorevole, sono per un’ulteriore crescita”, ha ricordato Lané. “La quota di mercato del private banking è salita nell’ultimo triennio dal 25% al 27% del totale delle attività finanziarie delle famiglie ed è cresciuto il numero dei clienti che riconosce nella figura del private banker professionalità ed esperienza tali da considerarlo, in molti casi, come interlocutore principale tra i diversi professionisti di riferimento”.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Albacore, banker di famiglia

Francesco Fabiani, chief executive officer di Albacore Wealth Management, si racconta e delinea l ...

Risiko private: Girelli alla guida di Efg a Milano

Ancora uno spostamento tra big nel private banking italiano. Giorgio Angelo Girelli (foto) è stato ...

Il private equity sfida il vento contrario

Le turbolenze che caratterizzano i mercati finanziari non hanno finora colpito il segmento del priva ...