Un addio che fa rumore nel private banking svizzero

A
A
A
Private di Private16 aprile 2019 | 08:30

Cèdric Anker sbatte la porta. A poco più di un anno dalla nomina, il top manager ha lasciato la carica di amministratore delegato di  Banque Cramer. Secondo rumors di mercato, la scelta sarebbe legata a profonde divergenze con il  principale azionista dell’istituto, Massimo Esposito, che controlla la private bank ticinese attraverso la sua holding Norinvest.

Anker avrebbe anche venduto il suo 5% di quota azionaria. Per il momento l’istituto avrebbe trovato una soluzione ad interim per rimpiazzare l’ad e prendersi il tempo per cercare un sostituto definitivo.

Cramer è alla ricerca del ritorno alla redditività, dopo che il 2017 ha visto un tracollo dell’utile da 4,09 a 1,29 milioni di franchi svizzeri.  Un anno particolare che tra le altre cose ha visto la chiusura del business retail in Svizzera e lo spostamento dello staff da Losanna a Ginevra.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fondi: Fideuram, un nuovo comparto per il private

Cresce la proposta dedicata alla clientela di fascia medio-alta ...

Societe Generale Securities Services fornirà CrossWise a First Private Investment Management

CrossWise è un pacchetto di servizi che consente agli asset manager di esternalizzare tutto ciò c ...

Citibank prepara lo sbarco a Milano

Le tensioni dei mercati finanziari e la sfiducia degli investitori internazionali verso il nostro Pa ...