Un cliente su tre è pronto a cambiare consulente

A
A
A
Private di Private 10 Maggio 2019 | 07:45
Una ricerca di EY rivela il calo di “fedeltà” alle private bank da parte dei detentori di grandi patrimoni

Guai a dare per scontato un cliente. E’ il monito che si ricava dalla lettura dell’ultima EY 2019 Global Wealth Research, indagine su 2mila clienti del wealth management appartenenti a 26 Paesi.  Uno su tre si dice disposto a cambiare private bank nel corso del prossimo triennio, se i consulenti attuali non si mostreranno in grado di soddisfarlo in tutte le esigenze di protezione, gestione e valorizzazione del patrimonio.

Una quota particolarmente elevata che suona come un campanello d’allarme per le società del settore: il detentore di grandi patrimoni va seguito con attenzione, altrimenti il rischio di perderlo – e con lui gli elevati margini che questo business ancora offre – è concreto.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, riparte l’M&A ma occhio alla concorrenza dei fondi private equity

Crollo dei consumi anche a luglio, la ripresa resta un miraggio

Infrastrutture, cresce l’attrattività degli investimenti in Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X