Un cliente su tre è pronto a cambiare consulente

A
A
A

Una ricerca di EY rivela il calo di “fedeltà” alle private bank da parte dei detentori di grandi patrimoni

Private di Private10 maggio 2019 | 07:45

Guai a dare per scontato un cliente. E’ il monito che si ricava dalla lettura dell’ultima EY 2019 Global Wealth Research, indagine su 2mila clienti del wealth management appartenenti a 26 Paesi.  Uno su tre si dice disposto a cambiare private bank nel corso del prossimo triennio, se i consulenti attuali non si mostreranno in grado di soddisfarlo in tutte le esigenze di protezione, gestione e valorizzazione del patrimonio.

Una quota particolarmente elevata che suona come un campanello d’allarme per le società del settore: il detentore di grandi patrimoni va seguito con attenzione, altrimenti il rischio di perderlo – e con lui gli elevati margini che questo business ancora offre – è concreto.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cambio ai vertici di Ernst & Young, Weinberger sarà presidente e a.d.

Ti può anche interessare

Collezionisti in cerca di buone pratiche

Alessia Zorloni Molte transazioni di opere d’arte si concludono con discussioni e dispute legali. ...

Ersel e Cnp Partners rafforzano l’alleanza

Verrà sviluppata l’offerta di polizze multiramo CiiS (nelle versioni Gold, Silver e Platinum), de ...

Semestrale in chiaroscuro per Efg

Il primo semestre di EFG va in archivio con numeri contrastanti.  L’utile netto è sceso del ...