Un cliente su tre è pronto a cambiare consulente

A
A
A

Una ricerca di EY rivela il calo di “fedeltà” alle private bank da parte dei detentori di grandi patrimoni

Private di Private10 maggio 2019 | 07:45

Guai a dare per scontato un cliente. E’ il monito che si ricava dalla lettura dell’ultima EY 2019 Global Wealth Research, indagine su 2mila clienti del wealth management appartenenti a 26 Paesi.  Uno su tre si dice disposto a cambiare private bank nel corso del prossimo triennio, se i consulenti attuali non si mostreranno in grado di soddisfarlo in tutte le esigenze di protezione, gestione e valorizzazione del patrimonio.

Una quota particolarmente elevata che suona come un campanello d’allarme per le società del settore: il detentore di grandi patrimoni va seguito con attenzione, altrimenti il rischio di perderlo – e con lui gli elevati margini che questo business ancora offre – è concreto.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cambio ai vertici di Ernst & Young, Weinberger sarà presidente e a.d.

Ti può anche interessare

Banca Generali: “Il futuro del private banking è sostenibile”

Essere sostenibili non è solo una “moda” come alcuni sono soliti pensare. Essere sosten ...

Cena a caro prezzo con Buffett

Il mito di Warren Buffett non conosce appannamenti. L’oracolo di Omaha, come è soprannominat ...

Tiedmann punta all’Europa

Tiedemann Advisor, gestore patrimoniale da 21 miliardi di dollari, punta all’Europa. Per la pr ...