Un cliente su tre è pronto a cambiare consulente

A
A
A
Private di Private 10 Maggio 2019 | 07:45
Una ricerca di EY rivela il calo di “fedeltà” alle private bank da parte dei detentori di grandi patrimoni

Guai a dare per scontato un cliente. E’ il monito che si ricava dalla lettura dell’ultima EY 2019 Global Wealth Research, indagine su 2mila clienti del wealth management appartenenti a 26 Paesi.  Uno su tre si dice disposto a cambiare private bank nel corso del prossimo triennio, se i consulenti attuali non si mostreranno in grado di soddisfarlo in tutte le esigenze di protezione, gestione e valorizzazione del patrimonio.

Una quota particolarmente elevata che suona come un campanello d’allarme per le società del settore: il detentore di grandi patrimoni va seguito con attenzione, altrimenti il rischio di perderlo – e con lui gli elevati margini che questo business ancora offre – è concreto.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cambio ai vertici di Ernst & Young, Weinberger sarà presidente e a.d.

Ti può anche interessare

Ciaccio entra in Finnat

Banca Finnat si rafforza con l’ingresso di Katia Ciaccio, 33 anni,  nel team milanese di pri ...

Cassa Lombarda punta sugli Etf

Personalizzazione del servizio e innovazione di prodotto. Sono le due strade sulle quali punta Cassa ...

Cassa Lombarda ritrova l’utile

La private bank nel 2019 fa un profitto di 3 milioni. Rinnovato il cda. ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X