Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

A
A
A
Avatar di Redazione21 maggio 2019 | 14:19

Sono già diversi i consulenti finanziari inseriti da Banco Desio da quando ha preso l’avvio il piano di sviluppo della Rete di Consulenti Finanziari. In particolare da inizio anno sono stati inseriti: a Como Michele Ongini Baglioni con pluriennale esperienza nella gestione del risparmio maturata presso una importante BCC locale, a Milano Daniele Gatti con precedente esperienza presso IW Bank Private Investiments, a Lodi Paolo Mascheroni con pluriennale esperienza nel settore Bancario, a Rubiera (RE) Andrea Capuzzo proveniente da Fineco, ed a Torino, Mauro Ventura, da Azimut, particolarmente vicino ai temi della finanzia sostenibile.

Da sottolineare in particolare, l’inserimento di tre manager che contribuiranno con la loro pluridecennale esperienza allo sviluppo della giovane e ambiziosa Rete di Banco Desio in tutti i territori presidiati dal Gruppo:

Alberto Caravita, proveniente da Banca Patrimoni, con all’attivo un significativo contributo allo startup di Ambroitalia e incarichi manageriali presso importanti reti di consulenza finanziaria, Carlo Libardi proveniente da Credem, che nelle significative esperienze manageriali maturate presso primarie reti si è sempre distinto per la particolare dedizione alla formazione dei consulenti e Giuseppe Rossi, proveniente anch’egli da Credem, che ha ricoperto ruoli manageriali presso diverse importanti reti contribuendo in particolar modo al loro sviluppo.

Il positivo avvio dell’attività di reclutamento e l’inserimento di figure manageriali di consolidato valore, che tiene conto con particolare attenzione alla professionalità, ha commentato Roberto Moretti Responsabile della Direzione Private Banking e Consulenti Finanziari, conferma l’interesse del mercato per il nostro modello di servizio basato sulla forte sinergia tra la rete dei Consulenti Finanziari e le Filiali del Gruppo. In questo contesto i consulenti, che dispongono di spazi dedicati all’interno delle Filiali, possono mettere a disposizione della clientela non solo la loro professionalità nella pianificazione patrimoniale, ma tutte le competenze, i servizi e i prodotti di una Banca Privata con oltre cento anni di Storia. La possibilità di estendere il perimetro della propria attività a prodotti e servizi di banking e lending rivolti a privati e aziende, consente al consulente della nostra rete di accrescere il valore aggiunto creato per il cliente e, di conseguenza, le proprie fonti di remunerazione.

 

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, largo alle donne nella rete

Azimut, alleanza con Passera

Azimut: raccolta sopra i 2 miliardi e un nuovo acquisto

Azimut, in cerca di partner e sulla rotta giusta

Azimut: Giuliani si gode la sua rivincita

Azimut, la domanda senza risposta

Azimut, inizia la svolta sulle fee

Reti Champions Leaugue: Foti-Rebecchi, duello per la vetta

Azimut, faro su Londra

Consulenti, Mei saluta Deutsche Bank e guarda oltre

Intesa e Azimut, stretta di mano per i servizi ai cf

Azimut: per Giuliani il bello deve arrivare

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Azimut, vincenti perché indipendenti

Azimut fa compagnia a Gasperini

Azimut, impennata di utili e ricavi

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Azimut, Fineco e Banca Generali: le sorelle dalla super crescita

Azimut, sarà una trimestrale da sogno

Consulenti, così si lavora in Azimut

Caccia grossa nel risparmio gestito

Azimut, un’Idra a 5 teste

Azimut, Giuliani punta oltre i 300 milioni

Azimut fa la manita nel reclutamento

Borsa, anche Azimut tra i soci della matricola Nexi

Bocci, il big manager di Azimut aspirante sindaco a Firenze

Azimut: sboccia la raccolta a primavera

Azimut va in orbita con Umbragroup

Azimut, la buonuscita milionaria di Albarelli

Azimut, pronto il nuovo cda

Reti Champions League: Mossa e Rebecchi dominano le prime due giornate

Reti, cedole da applausi

Banche-reti, meglio le italiane delle straniere

Ti può anche interessare

Banca Finnat, margine d’interesse e masse gestite in crescita

Il primo semestre di Banca Finnat va in archivio con risultati in crescita a parità di perimetro ri ...

Bper, il futuro è advisory e wealth management

Bper mette il turbo sulla consulenza. Il piano industriale della banca per il triennio 2019-2021, pr ...

Consulenti e private banker: largo ai giovani

Solo il 2% degli iscritti all’albo dei consulenti dinanziari ha meno di 40 anni. Basta questo dato ...