Fondi alternativi per l’economia reale

A
A
A
Private di Private24 maggio 2019 | 09:30

I fondi alternativi possono svolgere un ruolo decisivo per sostenere l’economia reale, soprattutto in una fase come questa caratterizzata da crescenti difficoltà di accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese italiane.

Maria Antonella MassariÈ il messaggio emerso nel corso di un evento organizzato da Aipb presso Villa Necchi Campiglio a Milano. La politica monetaria espansiva messa in atto dalla Bce, i bassi tassi di interesse e i fenomeni ricorrenti di alta volatilità sui mercati azionari negli ultimi tempi hanno contribuito a rendere difficile la realizzazione di performance soddisfacenti per gli investitori. La fine del Qe probabilmente renderà ancora più incerto lo scenario. Se a tale quadro si aggiungono le ripercussioni derivanti dalla crisi iniziata dieci anni fa, hanno spiegato gli esperti intervenuti all’evento, si comprende come sia necessario ricercare nuove fonti di investimento che possano garantire un rendimento interessante. In questo ambito, assumono grande interesse i cosiddetti fondi alternativi che investono in economia reale.

Certo, resta il problema della illiquidità di questi investimenti che tuttavia, se inseriti nel portafoglio con il giusto peso e in linea con gli obiettivi di medio lungo termine dell’investitore, possono portare a risultati migliori nel medio e lungo periodo. Da queste considerazioni nasce la convinzione che i clienti private, in ragione del livello di servizio e della dimensione dei patrimoni investibili, possano ottenere un duplice scopo: stabilizzare le performance degli investimenti nel medio periodo e contemporaneamente alimentare il finanziamento della crescita delle Pmi riducendone la dipendenza dal credito bancario.

 “ Il mercato del private banking si caratterizza per un’ampia diversificazione dei portafogli e una marcata specializzazione verso servizi di investimento ad alto valore aggiunto, ma la quota di investimenti in economia reale risulta ancora molto contenuta”, ha sottolineato Antonella Massari (nella foto), segretario generale di Aipb. “La crescita del loro peso verrebbe facilitata dalla rimozione di alcune barriere che oggi ne ostacolano lo sviluppo e da una più diffusa educazione della clientela e dei consulenti su questa tipologia di investimenti. Le barriere dipendono ad esempio da limiti di investimento piuttosto elevati per la clientela non professionale, limiti che permangono anche nel caso in cui venga assistita da un servizio di consulenza evoluta. Il riconoscimento di una categoria di “well informed investors” che possano sottoscrivere quote di Fia riservati rappresenterebbe un elemento fondamentale per la crescita del peso degli investimenti in economia reale nei portafogli della clientela private”, ha concluso.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il private banking per l’economia reale

Cinque nuovi ingressi in Aipb

Per le fiduciarie è l’ora del consolidamento

Il Private banking al fianco delle imprese

I portafogli dei ricchi scelgono le polizze

I paperoni scelgono la protezione

Invertire la piramide

Cresce la raccolta del private banking italiano

Torna il Forum del Private Banking

Mifid 2, serve sempre più ricerca

Aipb, salgono a 119 i soci

Finanza e imprese, Aipb chiede interventi al governo

Polizze vita, AIPB: “Nessuna rivoluzione”

Dal tradizionalista al distaccato: che cliente private sei?

Innocenzi (Aipb): “Il private banking, un settore in crescita”

Il private banking punta sugli alternativi

Aipb, Maria Antonella Massari è il nuovo segretario generale

Forum Aipb: il ruolo dei consulenti per sostenere la ripresa

Innocenzi è il nuovo numero uno di Aipb

Aipb, le sfide future del private banking

Banca Generali, Mossa chiama Ragaini per creare una nuova divisione di wealth management

Aipb: cambiare in scia ai nuovi orientamenti sulla retribuzione

Mps, al via la rivoluzione del private

L’Album della Finanza 2014: Bruno Zanaboni

Il private banker: dal sondaggio al Forum annuale Aipb

Zanaboni (Aipb): Bisogna ascoltare il private banker, non solo il cliente

Private banking, anche i clienti “upper” riscoprono il gestito

Con Banca Cesare Ponti il private banking diventa totalmente 2.0

Aipb ci spiega il private insurance

Il private banking va oltre la crisi

Taddei sale sulla nave Ersel

Aipb – Ecco la mappa della ricchezza italiana

A prova di private banker

Ti può anche interessare

Lacher alla presidenza di Julius Baer

Romeo Lacher (nella foto) è stato eletto presidente di Julius Baer dall’assemblea degli az ...

Fondi di gran carriera

Nei primi dieci mesi del 2018 si sono registrate 133 operazioni su aziende con fatturato medio pari ...

Goldman, il conto dello scandalo malese

La banca d'affari deve fronteggiare le vicende che hanno coinvolto il fondo al centro di un'inchiest ...