Allarme rosso per il big degli hedge Woodford

A
A
A
Private di Private13 giugno 2019 | 16:54

La selezione nel mercato degli hedge fund prosegue impietosa. Dopo un 2018 passato alla storia come anno nero per i fondi speculativi, con ben 580 strutture che hanno dovuto chiudere i battenti, anche quello in corso si mostra complicato. Con le difficoltà che vanno a caratterizzare anche alcune grandi realtà.

La notizia più recente riguarda Woodford Investment Management che prende il nome dal fondatore Neil Woodford (nella foto), che ha dovuto disporre lo stop alle redemptions. Il congelamento della possibilità di ritirare i propri investimenti dal fondo, mossa estrema che lascia presagire il peggio, è stato disposto per fronteggiare la pioggia di richieste di riscatti piovuta nelle ultime settimane.

A far deflagrare la situazione del fondo, già da tempo traballante, è stato il crollo (il 40% in meno nella sola seduta del 3 giugno) di Kier, azienda di costruzioni che costituisce una delle principali partecipazioni del veicolo. Così il futuro di un fondo che ha ben 3,7 miliardi di asset in gestione è a forte rischio.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

I motori del private equity

“I numeri del 2018 sono molto interessanti: il private equity italiano nel suo complesso, che quin ...

Ersel punta su Saura

Ingresso di peso per Ersel. Si tratta di Andrea Saura che va a coprire l’incarico di genera ...

Collezionismo e Wealth Management

di Alessia Zorloni   Le collezioni permanenti fondate da facoltosi filantropi, offrono uno stra ...