Arrivano gli incentivi per gli Eltif

A
A
A
Private di Private18 giugno 2019 | 08:32

Gli investimenti negli Eltif potranno contare sulla mancanza di prelievo fiscale sui rendimenti generati. Lo prevede n un emendamento al decreto Crescita approvato ieri in commissione Finanze alla Camera. Si tratta di un correttivo rispetto alle intenzioni iniziali di defiscalizzazione, reso necessario da ragioni di copertura.

I benefici fiscali si applicheranno su investimenti annui fino a 150mila euro e fino a un totale di 1,5 milioni complessivi: numeri che lasciano intuire come lo strumento sia adatto soprattutto per la clientela del private banking. A maggior ragione se si considera che il 70% del patrimonio degli Eltif dovrà andare ad asset (come titoli azionari o bond) di società: non finanziarie, non quotate su mercati regolamentati o sistemi multilaterali di scambi e di piccole o medie dimensioni.

Per beneficiare del vantaggio fiscale, l’investimento dovrà essere detenuto per almeno cinque anni
e il patrimonio raccolto dal gestore non dovrà essere superiore a 200 milioni all’anno fino a un tetto di 600 milioni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, tra la stabilità e i rendimenti

Investimenti, l’Europa preferisce tenere i soldi sul conto corrente

Consulenti, la gioventù che non avanza

Deutsche Bank FA, 15 nuovi consulenti per Ruggiu

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Investimenti, high yield, i vantaggi di un approccio globale

Investimenti, asset liquidi e di qualità per vincere la sfida al rendimento

Investimenti: strategie non direzionali, tra dispersione e protezione

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

IWBank, settebello nel reclutamento

Bce, il commiato di Draghi

Investimenti, tra borsa e unicorni

BMO: “Opportunità per il 2020? Gli investimenti più rischiosi”

Fineco a tutto Forex

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Ti può anche interessare

Syz Am, l’asset allocation è un rebus

Asset allocation: l’incertezza rende difficili le decisioni Di fronte a indicatori economici non p ...

Private banking: difendiamo i margini

Mifid 2 e crescente concorrenza mettono a dura prova la profittabilità del settore. Occorrono soluz ...

UBS mette nel mirino i miliardari americani

Il più grande gestore patrimoniale del mondo, la banca svizzera UBS, sta mettendo a punto una nuova ...