Private capital ad alto rendimento

A
A
A
Private di Private1 luglio 2019 | 12:49

Chi ha pazienza e occhio lungo, può spuntare elevati rendimenti. Secondo quanto rilevato da Kpmg, i private capital tra il 2007 e il 2017 hanno offerto un ritorno medio del 10%, tutt’altro che trascurabile a considerare l’andamento delle principali asset class nel medesimo periodo. E non è un caso allora se questa asset class è sempre più presente nei portafogli della clientela di private banking.

Quanto all’Italia, Kpmg haa calcolato per il 2017 un buon Irr lordo del 12,5%, sebbene sotto il 14,5% del 2016 e sotto il picco del 19,7% del 2014. Numeri ancor più interessanti oggi, alla luce dell’evoluzione normativa, con i nuovi Pir che legano gli incentivi fiscali al rispetto di criteri relativi agli investimenti in venture capital e dell’avvio degli incentivi per gli Eltif, fondi di investimento alternativi chiusi di diritto europeo che hanno un’ottica temporale di lungo termine e che sono sottoscrivibili anche dagli investitori privati, perché sono concepiti tenendo conto di una serie di criteri che limitano i rischi.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

La successione aziendale salta una generazione

La tendenza dei capi azienda a restare in sella fino a tarda età fa sì che sempre più spesso il p ...

Deutsche Bank, Parazzini sale nel wealth management

Già responsabile per il Sud Europa, allarga la sua attività a Francia e Belgio ...

Credem disegna il private banking del futuro

Saranno oltre 300 i professionisti del private banking di Credem (coordinato dal Responsabile Gia ...