Reti, quando il private equity diventa retail

A
A
A
Avatar di Redazione8 luglio 2019 | 11:31

C’è un nuovo trend che sta coinvolgendo il mercato della distribuzione dei prodotti finanziari: il private equity si apre al retail. A segnalarlo è MF, che racconta come sempre più asset manager stiano strutturando sempre più prodotti dedicati alla clientela privata, sia questa classificata come high networth individual, come affluent o anche come semplice clientela retail.

In sostanza sempre più asset manager italiani e internazionali stanno proponendo alla clientela privata prodotti di investimento con focus sugli asset alternativi. Come già fanno da tempo i family office. «Si tratta di capitali che si mettono al lavoro con pazienza di pari passo con l’evoluzione del ciclo economico, senza fretta di investire tutto subito o di disinvestire a scadenza», dice Elena Giordano, partner di Albacore. Guidato dal ceo Francesco Fabiani, Albacore è nato come spin-off della Starfin sa, family office di Carlo De Benedetti, e si è poi trasformato in un multifamily office che assiste una trentina di famiglie imprenditoriali con asset investiti per circa un miliardo di euro.

Su questo fronte MF segnala anche alcune reti particolarmente attive. Per esempio Azimut, nel luglio 2018 ha lanciato il fondo chiuso non riservato Azimut Private Debt, dedicato agli investitori retail, che ha raccolto 120 milioni. Ma questo è stato solo il primo assaggio, perché Azimut ha in programma tutta una serie di progetti sul tema. Tanto da immaginare di «arrivare nel 2024 con un 15% delle masse in gestione investite in private market, il che significa 8-10 miliardi di euro», come ha sottolineato recentemente Paolo Martini uno dei cinque amministratori delegati di Azimut Holding e da anni capo della rete di financial advisor della società.

Ma la società guidata dal presidente Pietro Giuliani non è da sola. Anche Fideuram e Credem (come mostra il grafico in calce di MF) hanno i loro prodotti ad hoc, nel dettaglio il Fideuram Alternative Investments Mercati Privati Globali e il Credem Venture Capital II.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, sua maestà il dividend yield

Azimut, una newco americana per gli alternativi

Azimut, 30 candeline alla faccia dei gufi

Banca Generali mette il turbo sulla consulenza evoluta

Azimut, 7 miliardi di motivi per essere sostenibili

Anasf, due nuovi appuntamenti sul territorio

Azimut, la raccolta 4.0

Azimut, un utile straripante

Azimut, rendimenti a doppia cifra con le Pmi

Azimut, i nuovi piani dopo Ali Expo

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

Azimut, partnership con Illimity per i consulenti

Azimut, Martini presenta Ali Expo

Azimut, manca poco ad Ali Expo

Fusione CheBanca!-Mediolanum? Le ipotesi degli analisti

Consulenti, un libro per investire nell’economia reale

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Azimut, raccolta sprint a settembre

Consulenza, il futuro secondo Giuliani (Azimut) e Marconi (Chebanca!)

Rendiconti Mifid 2: voti e pagelle, rete per rete

Azimut, anatomia di una rivoluzione che potrebbe cambiare il mercato

Intesa e Azimut, i veri big del dividendo

Banche e reti, i tre tori che fanno gola a Piazza Affari

Azimut, scommessa americana

Azimut, la rivincita degli ex

Azimut, la volatilità rallenta la raccolta di agosto

Reti, le montagne russe ad agosto

Cade il governo, le reti gongolano in Borsa

Borse, la crisi di governo affossa le reti

Il risiko delle reti nel segno BlackRock

Azimut, a luglio la raccolta non va in vacanza

Dividendi, ecco le reti rendono più dei btp

Reti, Mediolanum e Azimut puntano le pmi eccellenti

Ti può anche interessare

Bim cerca il grande rilancio

La banca guidata da Moro vara il nuovo piano che prevede il ritorno all’utile nel 2022. Nel primo ...

Al via il talent televisivo sugli avvocati

Debutta su BFC mercoledì 18 settembre alle ore 22 LEGALBIZ – Special 4cLegal Academy, l’esclusi ...

Banche europee, il rilancio passa dal private banking

Analisi di Dbrs sui marginali degli istituti Ue ...