In Svizzera le banche tassano i grandi patrimoni

A
A
A
Private di Private 20 Settembre 2019 | 08:27

Con la Bns che mantiene in negativo allo 0,75% sia il suo tasso guida, sia l’interesse sui conti depositati presso i suoi uffici dalle banche, tra gli istituti elvetici cresce la tentazione di tassare i correntisti, quanto meno quelli riconducibili alla categoria del private banking.

Il Credit Suisse, secondo quanto riportano alcuni giornali elvetici, prevede di imporre un balzello dello 0,4% ai clienti con un contro superiore a 1 miliardo di franchi. Una scelta che seguirebbe quella già adottata da UBS che tassa i detentori di conti sopra i 2 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

1 commento

Ti può anche interessare

Coronavirus: Aipb scrive agli associati

L’Associazione italiana private banking (Aipb) ha inviato una missiva ai propri associati per ...

Il private banking per l’economia reale

Simona Maggi   Dalla crisi a oggi si è assistito a una contrazione dei volumi del credito banc ...

Crédit Agricole punta sulle polizze per paperoni

Soluzioni assicurative per i detentori di grandi patrimoni. Crédit Agricole Vita, in partnership c ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X