Julius Baer, novità ai piani alti

A
A
A
Private di Private4 ottobre 2019 | 08:43

La parola d’ordine è “semplificazione”, ma dietro si intravede anche la volontà di ridurre i costi a fronte di uno scenario sempre più competitivo dal lato dell’offerta. All’inizio del prossimo anno Julius Baer semplificherà la struttura manageriale, accorpando competenze e responsabilità di mercato. Questo consentirà di ridurre il comitato esecutivo da 15 a 9 nove membri. In uscita ci sono sicuramente Larissa Alghisi, Christoph Hiestand, Gian A. Rossi, Rémy A. Bersier e Luigi Vignola.

Julius Baer tra le altre cose controlla l’italiana Kairos, che dopo essere stata per mesi in vendita, è tornata centrale nelle strategie della casa madre.  “Il nuovo business plan arriverà entro fine anno”, ha spiegato nei giorni scorsi il ceo ad interim Fabrizio Rindi (nella foto). “Kairos non è più in vendita: abbiamo vagliato le offerte giunte in questi mesi, ma alla fine abbiamo reputato che la migliore soluzione sia una maggiore integrazione con Julius Baer”, ha aggiunto.

Jiulius Baer esclude possibili acquisizioni da parte di Kairos, mentre fa sapere di essere intenzionata a rafforzare la squadra andando alla ricerca di nuovi talenti,. Tra le novità attese, anche il lancio di un Eltif (“già a ottobre”, ha assicurato Rindi) e l’ingresso dei gestori nell’azionariato con quote di minoranza (“una scelta dettata dalla volontà di allineare gli interessi”).


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Azimut, al via un master per consulenti e wealth manager

Il gruppo del risparmio gestito e Bologna Business School hanno stretto una partnership per la secon ...

Tra gli investimenti alternativi è l’ora dei search fund

Uno strumento di finanza alternativa che consente a un manager di riconosciuta professionalità l&# ...

Hedge fund, affari d’oro per re Dalio

Il fondo-bandiera Pure Alpha, fiore all'occhiello dell'hedge fund, ha messo a segno guadagni del 14, ...