All’orizzonte si profila una nuova voluntary disclosure

A
A
A
Private di Private15 ottobre 2019 | 10:14

Per il momento siamo nel campo delle ipotesi, ma che di ora in ora si fanno più concrete. Nel consiglio dei ministeri che questa sera approverà la manovra di bilancio 2020 potrebbe aprirsi la strada a una nuova regolarizzazione dei capitali illecitamente detenuti all’estero.

Alla ricerca di coperture per far quadrare i conti, ricorda MF in edicola, il faro si sposta sulla ricchezza di persone
fisiche e società allocata nei paradisi fiscali. In particolare, i riflettori sono puntati sui trust realizzati in territori a fiscalità privilegiata, che saranno tassati se il beneficiario non sarà chiaramente identificabile. Una misura che rientrerebbe tra quelle attraverso le quali il Governo conta di recuperare 7 miliardi di euro dalla lotta contro l’evasione.

Secondo gli addetti ai lavori, scrive il giornale una misura di questo tipo potrebbe comunque avere come effetto una spinta alla regolarizzazioni, aprendo anche la strada a una nuova tornata di voluntary disclosure per riportare i capitali dall’estero.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Widiba, una rete per consulenti tosti

L'intervista a Nicola Viscanti, capo dei consulenti finanziari di Widiba che tratteggia l'identikit ...

Banche europee, il rilancio passa dal private banking

Analisi di Dbrs sui marginali degli istituti Ue ...

Lacher alla presidenza di Julius Baer

Romeo Lacher (nella foto) è stato eletto presidente di Julius Baer dall’assemblea degli az ...