Successione al femminile per Citi

A
A
A
Private di Private28 ottobre 2019 | 07:58

A breve Citigroup comunicherà il suo nuovo grouè chief executive officer e per la prima volta dovrebbe trattarsi di una donna. La candidatura più accreditata sul mercato è infatti quella Jane Fraser, dirigente 52enne oggi a capo dell’attività globale al consumo e da poco nominata president dell’intero gruppo bancario (ruolo lasciato scoperto dal ritiro di James Forese), cioè numero due a tutti gli effetti alle spalle dell’ad Michael Corbat.

Nelle scorse settimane vi erano state voci di una possibile ascesa a group ceo di Stephen Bird, finora chief executive proprio del global consumer banking, che tuttavia è dato in uscita. Sulla sua decisione avrebbe pesato proprio la mancata nomina a president, che di fatto è un’investitura che sembra preparare alla nomina di group ceo.

Fraser è una veterana di Citi, dove ha fatto carriera negli ultimi quindici anni cominciando dalla gestione dell’attività di lcient strategy nella corporate e investment nank.  L’incarico più recente, prima dell’ultima promozione, era stato come chief executive della divisione per l’America Latina. Fraser è da tempo anche impegnata a portare un crescente numero di donne in posizioni di leadership.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Crédit Agricole punta sulle polizze per paperoni

Soluzioni assicurative per i detentori di grandi patrimoni. Crédit Agricole Vita, in partnership c ...

Igea-Banca del Fucino: così riparte la storica private bank

La storia di Banca del Fucino riparte dall’accordo con Igea Banca, presieduta da Mauro Masi ...

Asset allocation, l’approccio quantitativo ai fondi di private equity

Si discute sempre di più di fondi illiquidi. A tal proposito vi presentiamo di seguito il paper sul ...