Il private in salsa cinese

A
A
A
Private di Private11 dicembre 2019 | 08:13

Con il prossimo ingresso nella Ludovico Martelli, azienda fiorentina nota per i marchi Proraso e Marvis,  Nuo Capital condurrà in porto l’ottavo investimento in tre anni nel mercato italiano. Si tratta di una società d’investimenti caratterizzata da un approccio diverso dal private equity tradizionale.

“Entriamo con quote di minoranza in società imperniate su una struttura famigliare, che consideriamo eccellenze del made in Italy: non per comandare ma per supportarle in decisioni strategiche cruciali”, racconta oggi sul Sole 24 Ore il ceo Tommaso Paoli, che è anche il cofondatore con Stephen Cheng della World-Wide Investment Compan. Chiarendo che l’obiettivo è di creare valore nel medio termine mettendo a disposizione delle partecipate “un network di competenze istituzionali e industriali straordinario per espandersi in Cina occupando nicchie di qualità nel mercato”.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Braggiotti punta su startup e lusso

Startup tecnologiche cinesi e aziende del lusso. Sono i principali target sui quali investe la propr ...

Quaestio passa sotto il controllo di DeA Capital

Quaestio, la società di gestione del risparmio che due anni fa provò a coordinare il salvataggio d ...

Allarme conti per Julius Baer

La svalutazione di Kairos pesa sulla banca svizzera che lancia un “profit warning”. Crescono gli ...