Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Gennaio 2020 | 11:27

Objectway, leader nel software e servizi per il settore del Digital Wealth & Asset Management, ha annunciato la pubblicazione del report “The Wealth Management Firm of 2025”.

La ricerca è stata realizzata in collaborazione con Compeer, rinomata società che fornisce servizi di benchmarking per il settore del Wealth Management in UK, attraverso una serie di workshop con oltre 20 Senior Executives delle principali società di investimento e gestione patrimoniale del Regno Unito.

L’obiettivo dell’iniziativa era capire le questioni chiave che queste società stanno affrontando, i miglioramenti necessari per renderle più scalabili e comprendere come valutano l’evoluzione del settore nei prossimi cinque anni.

Per i wealth manager, il costo dei professionisti del Front Office rappresenta di gran lunga la voce di spesa maggiorecresciuta costantemente a una media del 5% all’anno. Entro il 2025, ci sarà un cambiamento significativo nella giornata tipica di un professionista del Front Office, che trascorrerà più tempo a costruire relazioni, con un maggiore utilizzo di dispositivi portatili per migliorare l’efficacia dell’onboarding dei clienti e la condivisione di informazioni, sempre e dovunque.

L’investitore deciderà sempre più le modalità di interazione con il proprio Wealth Manager, dove la tecnologia sarà sfruttata per ridurre i costi, preservando al contempo la possibilità di collaborare, sempre in conformità con la regolamentazione.

Il CRM potrebbe essere molto più di un database con i dati dei clienti. Se completamente integrato con strumenti di front-end e sistemi di back-office, può evolversi in un vero client management system che comprende on-boarding, re-boarding, aggiornamento costante delle informazioni.

I costi del back-office sono aumentati di oltre il 17% tra il 2013 e il 2018. Esiste una domanda crescente di automazione, che non solo porterà vantaggi in termini di riduzione dei costi, ma incoraggerà anche i clienti a investire di più.

Infine, nel prossimo futuro ci sarà più attenzione verso il cloud, l’outsourcing e l’intelligenza artificiale. A condizione che rimanga accessibile economicamente e completamente sicuro, le imprese del settore sono molto inclini all’utilizzo del cloud. L’intelligenza artificiale verrà utilizzata come funzione di supporto, ad esempio utilizzando strumenti di machine learning per migliorare i processi di Back-Office, o per la selezione degli investimenti nel Front Office, senza sostituire le persone all’interno dell’azienda.

Per saperne di più, scarica il report completo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Elio Conti Nibali e quei ricordi dell’ufficio

Consulenza finanziaria, sostenibilità solo di facciata

Consulenza e coronavirus, un sondaggio svela come ci stiamo comportando

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Il Paese dove il consulente è nudo

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Consulenti, Mifid 3 sarà solo una toppa

Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Consulenza noir: Nicaragua, i reali sauditi, il figlio di Gelli e un radiato

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Consulenza: il futuro delle Scf

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Tutto pronto per il Forum Nazionale sulla Consulenza Finanziaria

Ti può anche interessare

Come i wealth manager possono monetizzare il cambiamento

Enrico Trevisan e Maximilian Biesenbach, partner di Simon-Kucher   Il wealth management sta aff ...

Fideuram fa il pieno negli alternativi con Tikehau Capital

Tikehau Capital, società di investimento e alternative asset management, annuncia una raccolta di o ...

Banca Euromobiliare, cliente al centro

  Nell’era in cui si ridefiniscono i modelli di relazione e di comunicazione, Banca Euromobil ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X