Banca Euromobiliare, cliente al centro

A
A
A
Private di Private 11 Marzo 2020 | 06:54

 

Nell’era in cui si ridefiniscono i modelli di relazione e di comunicazione, Banca Euromobiliare continua a credere che il consulente sia il riferimento centrale nel rapporto con il cliente. Le famiglie sono impegnate in complessi passaggi generazionali e gli eredi, alle prese con la gestione del patrimonio, cercano una relazione sempre più trasparente, agile, flessibile con il proprio advisor, anche in modalità digitale o quanto meno multicanale.

 

 

Sfide del wealth management

Sono queste le sfide del wealth management. “Per distinguersi e per raggiungere con soddisfazione questi ambiziosi obiettivi è determinante costruire una strategia di sviluppo focalizzata sulla selezione di professionisti di elevato standing, un modello di offerta specializzato sui servizi di investimento di alta gamma ad elevato grado di personalizzazione, servizi di global wealth advisory e valorizzazione del brand”, afferma Matteo Benetti, direttore generale di Banca Euromobiliare (gruppo Credem). Nel wealth management, e più in generale nei servizi di investimento, le competenze e le professionalità si costruiscono e si consolidano nel tempo. “Da più di 45 anni sviluppiamo una filosofia private, che si caratterizza nell’interpretare correttamene i bisogni, le aspettative e il mandato del cliente, con un approccio alla gestione del patrimonio basato sul pragmatico rispetto delle normative e un attento presidio al rischio. Il processo di ascolto e di relazione è governato dal consulente, interlocutore privilegiato per l’accesso ai servizi a valore aggiunto proposti dal nostro modello di servizio”, precisa. “I nostri professionisti hanno la possibilità di offrire target un servizio di consulenza patrimoniale davvero completo, in grado di assistere il cliente nelle scelte strategiche per la tutela, la valorizzazione e la conservazione nel tempo del patrimonio famigliare e aziendale”.

 

Consulenza globale

Banca Euromobiliare punta su un servizio di global wealth advisory per la tutela e la valorizzazione nel tempo del patrimonio della clientela. Infatti, grazie all’assistenza qualificata nella pianificazione patrimoniale, nel passaggio generazionale e ottimizzazione fiscale, nei servizi assicurativi per la protezione del patrimonio, della famiglia e dei beni, nei servizi fiduciari e nella gestione del portafoglio immobiliare, i banker hanno un centro di competenze con robusta tradizione nel private banking, recentemente rafforzato con la nascita di Euromobiliare Advisory Sim. “Il dialogo e la qualità della relazione sono per noi fondamentali”, spiega Benetti. “Abbiamo sempre adottato un modello ad architettura aperta, garantendo un servizio basato su un approccio pragmatico e lasciando grande autonomia al cliente di scegliere le soluzioni di investimento più adeguate al suo profilo. A conferma di questo nostro approccio, siamo stati tra i primi istituti specializzati nel private banking a inviare il nuovo rendiconto Mifid 2 compliant, con una rappresentazione chiara e completa degli investimenti, con l’esplicitazione dei costi realmente sostenuti non solo in percentuale ma anche in valore assoluto. Fino all’incidenza delle commissioni sul rendimento”.

 

 

Passaggi di testimone

Accumulare capitali non è sufficiente a garantire un futuro finanziariamente tranquillo. I rischi, finanziari e non, sono tanto maggiori quanto minore è la presa di coscienza della necessità di pianificare il passaggio generazionale. “Questo va affrontato attraverso un approccio integrato che copra vari aspetti: strategia (pianificazione degli obiettivi aziendali di medio-lungo termine), diritto (studio delle soluzioni giuridiche in grado di valorizzare l’asset famiglia e i membri che ne fanno parte), fiscalità (analisi del patrimonio e dei vincoli fiscali esistenti per ottimizzare e garantire la continuità aziendale), patrimonio (value proposition per la gestione strategica del patrimonio personale dei membri della famiglia imprenditoriale)”, aggiunge Benetti. “Abbiamo un team di professionisti specializzati in operazioni di finanza aziendale che ha oltre quarantacinque anni di esperienza in situazioni di ricambio generazionale, rafforzamento e allargamento dell’azionariato, cessioni di aziende, crescita e diversificazione dimensionale tramite acquisizioni, management buy-in and buy-out. Inoltre mettiamo a disposizione dei clienti corporate le sinergie derivanti dall’appartenenza a uno dei gruppi bancari italiani più solidi, consentendoci di selezionare attentamente il business”, conclude.

 

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Il vino entra negli investimenti del private banking

di Giacomo Nicolella Maschietti Si va dalle poche centinaia alle decine di migliaia di euro. Il merc ...

Goldman Sachs fa rotta su Permira

Una delle più grandi banche d’affari al mondo e uno tra i più importanti operatori internazi ...

Standard Chartered punta sull’Asia

Mirino puntato sul Continente giallo. Standard Chartered ha messo a punto un programma ambizioso di ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X