Mercato dell’arte: cresce il peso dei millennials

A
A
A
Private di Private9 marzo 2020 | 11:18

Una fetta di mercato sempre più corposa, con le quali l’offerta è chiamata a confrontarsi. Si tratta dei millennials, come emerge dall’ultimo Art Market Report di Tefaf, intitolato “Il mecenatismo dell’arte nel XXI secolo”.  Se la generazione dei baby boomers preferiva donare ai musei per sentirsi a posto con la coscienza, i nuovi mecenati  sono maggiormente preoccupati per l’impatto sociale delle proprie azioni.

Questo significa che spesso a loro non basta vedere riportato il proprio nome sulla parete del museo, ma si aspettano un effetto reale e risultati misurabili, vogliono essere proattivi e coinvolti.

Nel 2019, aggiunge lo studio, i millennials, sono stati coloro che hanno comprato più opere d’arte e hanno speso di più, in media 3 milioni di dollari in due anni, secondo lo studio pubblicato in settimana “The Art Market Report 2020”.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Consulenti, il private asset diventa democratico

Con i tassi ai minimi e le azioni ben al di sopra delle medie storiche, cresce l’interesse del ...

All’orizzonte si profila una nuova voluntary disclosure

Per il momento siamo nel campo delle ipotesi, ma che di ora in ora si fanno più concrete. Nel consi ...

Private equity, Tages fa il pieno

Una raccolta da 107 milioni di euro, che porta la dotazione di capitale a quota 252 milioni. E’ ...