Investimenti in arte: si fa strada la proprietà condivisa

A
A
A
Private di Private16 marzo 2020 | 09:58

L’arte non sfugge ai trend che stanno rivoluzionando l’economia e la società a livello internazionale. Plus di sabato racconta la crescita diffusione del modello di proprietà diffusa di beni artistici – in inglese “fractional art ownership projects” – attraverso il quale i  low-net-worth individuals (Lnwi) e i giovani collezionisti, esclusi dall’investimento in beni di lusso, possono allocare le loro limitate risorse in share di opere più costose, ma è bene comprenderne le regole.

Tra i casi citati vi è la startup London Trade Art attiva nell’intermediazione e gestione di opere online e offline in co-proprietà: il primo progetto pilota di Art Pooling Investment sulla co-proprietà è sull’opera “25.000 euro” di Lapo Simeoni. Altro caso è quello di Art Share, che a poco più di un mese dal lancio ha collocato oltre 3.700 quote, per un valore di circa 400mila euro, suddivise tra 22 opere di 21 artisti diversi.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Dall’Europa al mondo

Fin dall’inizio la storia di Banque Indosuez è stata scritta con il più internazionale degli inc ...

Louis Bacon sotto la lente

Considerato una leggenda nel mondo degli hedge fund, Loius Bacon, 63 anni, fondatore di Moore Capita ...

Cassa Lombarda, continua il focus sul wealth management

Cassa Lombarda ha approvato i risultati del primo semestre 2019 che si chiude con utile netto di 1 ...