Le banche svizzere rafforzano gli organici per conquistare i clienti cinesi

A
A
A
Private di Private 22 Giugno 2020 | 10:08

Gli indicatori sui consumi da parte della popolazione più facoltosa dicono che la Cina sarà probabilmente la prima tra le grandi economie a superare la recessione apertasi con la pandemia di Coronavirus. Ed è per questa ragione che tra le banche svizzere è partita la corsa a rafforzare gli organici, in modo da conquistare questa fetta di clientela.

Secondo Swissinfo, nel corso dei prossimi dodici mesi le realtà elvetiche incrementeranno i team china-oriented fino al 20-30% rispetto ai livelli attuali. UBS, Credit Suisse e Julius Bär già oggi impiegano centinaia di dipendenti a Singapore e dispongono di team più piccoli in città come Zurigo, che si occupano dei clienti della cosiddetta Grande Cina, di cui fa parte pure Hong Kong.

Proprio Singapore è al centro dei piani d’espansione. La ricerca di private banker nella città-Stato è in progressione dallo scorso anno, quando le proteste a Hong Kong hanno spinto molti clienti a prendere in considerazione sedi alternative per i propri beni.

La legge cinese sulla sicurezza per l’ex colonia britannica porterà a una maggiore influenza sulla metropoli da parte del governo di Pechino. Questo ha ulteriormente alimentato la speculazione su una fuga di capitali.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Private banking: un modello da esportazione

Se l’orizzonte di chi fa impresa e si rivolge come cliente al private banking ormai non può che e ...

Il banchiere che ama il calcio punta sulla Svizzera

Massimiliano Carrà   L’ultima novità è l’apertura della filiale svizzera dopo aver chius ...

Credit Suisse pb: nuovo timoniere all’insegna della continuità

Avvicinare un’istituzione storica della finanza come Credit Suisse alle nuove generazioni, desti ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X